Giocatori

Edgar Davids

Edgar Steven Davids è nato il 13 marzo 1973 ed è un ex calciatore professionista olandese. Dopo aver iniziato la sua carriera con l’Ajax, vincendo diversi titoli nazionali e internazionali, ha successivamente giocato in Italia per il Milan, e in seguito ha avuto un successo con la Juventus, prima di essere ceduto in prestito a Barcellona nel 2004. Ha continuato a giocare per Inter Milan e Tottenham. Hotspur prima di tornare ad Ajax. Dopo aver sofferto di infortuni per due anni, Davids è tornato al calcio agonistico durante un breve periodo con Crystal Palace prima di andare in pensione all’età di 37 anni. Nel 2012, è stato nominato giocatore-manager del club inglese Two League Barnet. Si è dimesso di comune accordo come manager nel gennaio 2014. Ha ricevuto 74 presenze dall’Olanda a livello internazionale, ha segnato sei gol e ha rappresentato il suo paese alla Coppa del Mondo FIFA (una sola volta) e al Campionato Europeo UEFA (tre volte).

Uno dei più grandi e riconoscibili giocatori della sua generazione, Davids spesso si è distinto sul campo di calcio per i suoi capelli pettinati e gli occhiali protettivi che indossava a causa del glaucoma. Un centrocampista combattivo ed energico, ma creativo e abile, Davids è stato soprannominato “The Pitbull” di Louis van Gaal per la sua abilità nel marcare, l’aggressività e lo stile di gioco duro. Nel 2004, è stato uno dei giocatori scelti da Pelé per partecipare alla FIFA 100, la sua lista dei più grandi calciatori viventi del mondo.

INFANZIA

Davids è nato in Suriname ed è di origine afro-surinamese e di discendenza ebraica parziale. La famiglia si è trasferita in Olanda quando Davids era un bambino. Anche suo cugino Lorenzo è un calciatore. E’ nato nella capitale del Suriname, Paramaribo, ma è cresciuto in Olanda, ad Amsterdam, dove è andato con i suoi genitori. Edgar viveva nel nord, le zone più svantaggiate di Amsterdam. È cresciuto per strada e quando il piccolo giocatore di football ha trovato “una bella diade dell’Ajax, ha guidato una banda degli stessi ragazzi neri.” All’Ajax ha fatto amicizia con altri surinamesi, in particolare con Clarence Seedorf e Patrick Kluivert. nucleo di “nuova ondata”. Si sono tenuti reciprocamente dolorosi per rispondere a qualsiasi incidente razzista, sia reale che immaginario, e non vanno d’accordo con i veterani e gli allenatori.

CARRIERA

Dopo essere stato rifiutato in due precedenti occasioni dal club, Davids ha iniziato la sua carriera all’età di 12 anni con l’Ajax. Ha fatto il suo debutto in prima squadra il 6 settembre 1991 in una vittoria casalinga per 5-1 contro l’RKC Waalwijk. Ha aiutato il club di Amsterdam a tre titoli nazionali di Eredivisie, nonché il successo continentale con la Coppa UEFA del 1992 e la UEFA Champions League del 1995. Nella finale della UEFA Champions League del 1996, ha perso la prima penalità dell’Ajax nei rigori, che alla fine hanno perso contro la Juventus. Mentre all’Ajax, Davids è stato soprannominato “The Pitbull” dal manager dell’Ajax Louis van Gaal a causa del suo feroce stile di gioco nel centrocampo della squadra.

Dopo essere stato rifiutato in due precedenti occasioni dal club, Davids ha iniziato la sua carriera all’età di 12 anni con l’Ajax. Ha fatto il suo debutto in prima squadra il 6 settembre 1991 in una vittoria casalinga per 5-1 contro l’RKC Waalwijk. Ha aiutato il club di Amsterdam a tre titoli nazionali di Eredivisie, nonché il successo continentale con la Coppa UEFA del 1992 e la UEFA Champions League del 1995. Nella finale della UEFA Champions League del 1996, ha perso la prima penalità dell’Ajax nei rigori, che alla fine hanno perso contro la Juventus. Mentre all’Ajax, Davids è stato soprannominato “The Pitbull” dal manager dell’Ajax Louis van Gaal a causa del suo feroce stile di gioco nel centrocampo della squadra.

Edgar Davids con la maglia della Juventus

Davids è entrato in prestito a Barcellona nel gennaio 2004 dalla Juventus. Entrando a metà di una stagione in cui la squadra stava facendo fatica a metà classifica e il direttore Frank Rijkaard, recentemente nominato, era sotto pressione, Davids guidò il successo del Barça nella ripresa della forma che li vide finire secondo a Valencia nella Liga. [18] L’arrivo di Davids è stato citato come catalizzatore per il dominio catalano del calcio spagnolo ed europeo nel periodo tra la metà e la fine degli anni 2000, con Rijkaard che ha vinto La Liga nella stagione successiva (dopo cinque anni senza vincere il campionato) e una doppietta alla Liga e alla Champions League nel 2005-06.

Nell’estate del 2004, Davids si è trasferito definitivamente al club italiano Inter Milan con un contratto di tre anni. Quando l’Inter ha interrotto i restanti anni del suo contratto nell’agosto 2005, si è trasferito in Inghilterra con un trasferimento gratuito per giocare per il Tottenham Hotspur. Ha avuto un soggiorno di successo a Tottenham e divenne subito un fan preferito. Il suo primo e unico gol è stato in una vittoria per 2-1 in trasferta contro il Wigan Athletic. Davids ha giocato per gli Spurs nel 2005-06 e nella stagione 2006-07, con il club che ha chiuso al quinto posto in entrambe le stagioni.

Davids ha firmato ancora una volta per l’Ajax il 28 gennaio 2007 e ha giocato la sua prima partita contro i rivali del club Feyenoord il 4 febbraio. Dopo il cambio di metà stagione, Davids ha dimostrato di nuovo il suo valore per la squadra dell’Ajax. Era uno dei centrocampisti chiave nella corsa per il campionato olandese che è stato perso con un solo gol al PSV nell’ultimo giorno di campionato. Ha anche svolto un ruolo importante nella campagna di coppa dell’Ajax. Si è assicurato la Coppa KNVB per l’Ajax segnando il rigore finale in un emozionante rigore contro l’AZ. Prima dell’inizio della stagione 2007-08, la gamba di Davids è stata interrotta in un’amichevole pre-campionato contro Go Ahead Eagles, che lo ha tenuto in disparte per circa tre mesi. Nel maggio 2008, Davids ha dichiarato che lascerà l’Ajax quando il suo contratto è scaduto il 30 giugno. Davids ha giocato contro il LA Galaxy il 6 dicembre 2008 in una gara espositiva svoltasi al Mount Smart Stadium di Auckland, in Nuova Zelanda, come parte di un team All-Star della Oceania XI, nonostante il fatto che non provenga dall’Oceania e non abbia mai giocato per un Club oceanico o squadra nazionale. Davids era in trattative contrattuali con il club inglese Leicester City dal 22 ottobre 2009, tuttavia non è riuscito a prendere una decisione per oltre una settimana e il club ha ritirato la propria offerta il 30 ottobre.

Il 20 agosto 2010, Davids ha concordato un accordo pay-as-you-play con il club del campionato inglese Crystal Palace. Ha fatto il suo debutto il 24 agosto 2010 nel terzino sinistro nel secondo turno della Coppa di Lega contro Portsmouth. [29] L’8 novembre 2010, ha annunciato la sua partenza dal club, affermando che era “una delle più grandi esperienze della mia vita”

Dal 2010, Davids ha vissuto a nord di Londra con la sua compagna e ha partecipato al calcio di strada, oltre a gestire il lato dilettantistico della lega di domenica Brixton United. L’11 ottobre 2012, Davids è entrato a far parte della lega Two Barnet in un ruolo di giocatore-manager, al fianco di Mark Robson. Il giorno successivo, al suo debutto come manager per Barnet, la sua squadra ha perso 4-1 a Underhill contro Plymouth Argyle, che Davids si era lasciato fuori dalla rosa per questa partita di League Two. A novembre, ha iniziato contro Morecambe che Barnet ha perso 4-1. Verso la fine di dicembre 2012, in seguito alla partenza di Robson, Davids si è fatto carico del club da solo. Davids ha segnato il suo primo gol con Barnet nel febbraio 2013 in una vittoria casalinga per 2-0 contro il Southend United. Nel marzo 2013, durante il viaggio di ritorno da una sconfitta ad Accrington Stanley, Davids ha rimandato l’allenatore della squadra di Barnet per raccogliere 36 sostenitori il cui allenatore si è rotto in autostrada e li ha portati alla prossima stazione di servizio. [57] Malgrado inizialmente guidando Barnet fuori dai piedi della League Two, e portandoli fuori dalla zona retrocessione, Barnet è rientrato in fondo alla seconda nell’ultima giornata della stagione 2012-13, dopo una sconfitta a Northampton Town, e sono stati retrocessi fuori la Football League a spese dell’AFC Wimbledon che è riuscito a scappare battendo Fleetwood Town. Il 21 maggio 2013 è stato annunciato che Davids sarebbe rimasto a capo di Barnet per la stagione Premier Conference della stagione 2013-14 .

Nel luglio 2013, Davids ha annunciato la sua decisione di indossare la maglia numero 1 per la stagione 2013-14, un numero di maglia tradizionalmente indossato dai portieri, dicendo che intende “impostare una tendenza” dei centrocampisti che indossano la maglia numero 1. La disciplina è stato un grosso problema per Davids nella stagione 2013-14. Fu prenotato in ognuna delle prime otto partite di campionato che aveva giocato, e fu espulso tre volte in quelle prime otto partite. C’era anche polemica quando è emerso che non avrebbe assistito a partite in trasferta che richiedevano un pernottamento, lasciando il vice direttore Ulrich Landvreugd a prendere in carico. Nel dicembre 2013, Davids ha pensato di ritirarsi dal calcio dopo essere stato espulso per la terza volta nella stagione nella sconfitta per 2-1 di Barnet da parte di Salisbury City.