Giocatori

Fabio Cannavaro

Fabio Cannavaro è un ex calciatore professionista italiano che è il manager del club cinese di Guangzhou Evergrande e della nazionale cinese. Cannavaro è considerato uno dei più grandi difensori di tutti i tempi. Ha trascorso la maggior parte della sua carriera in Italia. Ha iniziato la sua carriera al Napoli prima di trascorrere sette anni al Parma, con il quale ha vinto due titoli di Coppa Italia, la Supercoppa Italiana 1999 e la Coppa UEFA 1999. Dopo incantesimi in Internazionale e Juventus, nel 2006 ha trasferito (insieme al manager Fabio Capello) dalla Juventus al Real Madrid, con il quale ha vinto consecutivi titoli della Liga nel 2007 e nel 2008. Dopo essere tornato alla Juventus per una stagione nel 2009-10, ha si è unito ad Al-Ahli a Dubai, dove si è ritirato dal calcio nel 2011 dopo una stagione travagliata.

Dopo il suo ritiro, Cannavaro è diventato membro dello staff tecnico di Al-Ahli, in particolare come ambasciatore e direttore tecnico globale dal 2011 al 2013, e come vice-allenatore dal 2013 al 2014. Nel novembre 2014 è stato nominato capo allenatore di Club cinese di Guangzhou Evergrande. Il 9 giugno 2016 ha firmato un contratto con il club cinese di secondo livello Tianjin Quanjian come manager. È tornato a Guangzhou Evergrande nel 2017.

Cannavaro ha anche raggiunto il successo con la nazionale italiana. Ha fatto parte della squadra italiana che ha vinto i Campionati Europei UEFA Under 21 consecutivi nel 1994 e nel 1996. Dopo aver vinto il suo primo cap nel 1997, ha aiutato la sua squadra nazionale alla finale di UEFA Euro 2000, essendo stato nominato nella squadra del torneo, e divenne capitano nel 2002, dopo il ritiro di Paolo Maldini. Cannavaro ha portato l’Italia alla vittoria nella Coppa del Mondo FIFA 2006 in Germania, e gli è stato dato il soprannome di “Il Muro di Berlino” dai tifosi italiani grazie alle sue prestazioni difensive, che hanno visto l’Italia mantenere cinque fogli puliti e concedere solo due gol, nessuno dei quali era in gioco aperto. Gli è stato assegnato il Pallone d’Argento dopo essere stato nominato secondo miglior giocatore del torneo.

Nel 2009, Cannavaro ha superato Maldini come il giocatore più incappucciato nella storia del paese. Si è ritirato dal calcio internazionale il 25 giugno 2010 in seguito alla mancata qualificazione dell’Italia per le fasi a eliminazione diretta della Coppa del Mondo 2010, avendo accumulato 136 presenze e 2 gol per la nazionale maggiore. In totale, ha rappresentato l’Italia a quattro Coppa del Mondo, due Campionati Europei UEFA, le Olimpiadi estive del 1996 e la Coppa delle confederazioni FIFA 2009. Attualmente è il secondo in Italia, dietro a Gianluigi Buffon.

INFANZIA

Fabio Cannavaro è nato a Napoli da Gelsomina Costanzo e Pasquale Cannavaro. Sua madre lavorava come cameriera, mentre suo padre era un impiegato di banca. Suo padre giocava anche a calcio per la parte provinciale di Giugliano. Ha una sorella maggiore di nome Renata, sposata all’età di 15 anni. Ha anche un fratello minore di nome Paolo, che era anche un calciatore professionista che ha militato per diversi squadre come il Parma.

LA CARRIERA

Da giovane, Cannavaro ha giocato per una squadra di Bagnoli prima di essere individuato rapidamente dagli scout del Napoli, la sua città natale e la sua squadra d’infanzia preferita. Cannavaro inizialmente è stato il ball boy del club e spesso guardava i suoi idoli Diego Maradona e Ciro Ferrara. In seguito è entrato a far parte della squadra giovanile del club, inizialmente giocando come centrocampista come il suo idolo Marco Tardelli, prima che il giovane allenatore della squadra lo trasformasse nel ruolo di difensore centrale. Ha guadagnato una reputazione quando, in una sessione di allenamento a Napoli, il giovane Fabio ha prodotto una forte sfida scorrevole su Maradona, che era poi la stella indiscussa del club, per spossessarlo. La difficile sfida ha fatto arrabbiare i compagni di squadra e lo staff del Napoli. Tuttavia, Maradona stesso ha difeso il promettente giocatore e lo ha incoraggiato a giocare nel modo che voleva, e si è congratulato a quanto riferito da Cannavaro regalandogli gli stivali come souvenir dopo la sessione di allenamento.

Il progresso di Cannavaro come giocatore fu tale che presto divenne un membro della prima squadra insieme ad alcuni dei suoi idoli della sua infanzia. Il debutto di Cannavaro in Serie A è arrivato il 7 marzo 1993, a Torino, in una sconfitta per 4-3 contro la Juventus. Come centrocampista al fianco di Ferrara, ha presto dimostrato la sua anticipazione, il suo tackle, la sua distribuzione e la sua capacità di iniziare a giocare in attacco dopo aver vinto il possesso. Ha segnato il suo primo gol in carriera a San Siro, contro il Milan, l’8 gennaio 1995. Tuttavia, nonostante le sue promettenti prestazioni, il Napoli post-Maradona aveva un disperato bisogno di fondi e fu presto costretto a vendere Cannavaro al Parma, dove Cannavaro vinse la Coppa UEFA e la Coppa Italia, e fu nominato Defender of the Year. Cannavaro è rimasto a Napoli fino al 1995, guadagnando quasi 60 presenze in totale con il club, segnando un gol.

Cannavaro fu venduto a Parma nell’estate del 1995 e nella sua prima stagione, fu subito un giocatore regolare nella prima squadra, segnando una sola volta in 29 presenze in campionato. Andrebbe avanti non solo per vincere trofei con il club, ma anche per raggiungere diversi traguardi personali, diventando il capitano della squadra. Fu anche a Parma che incontrò Gianluigi Buffon e Lilian Thuram, che non solo avrebbero formato una delle unità difensive più strette d’Europa con Cannavaro, ma che sarebbero diventati anche alcuni dei suoi amici più cari nel calcio. Altri giocatori presenti in questa leggendaria linea di fondo di Parma erano Luigi Sartor, Roberto Mussi, Antonio Benarrivo, Luigi Apolloni e l’argentino Néstor Sensini. Cannavaro iniziò ad avere successo durante il suo periodo a Parma.

Durante la sua prima stagione, il Parma fu eliminato nel secondo turno della Coppa Italia, ma terminò al sesto posto in Serie A in quella stagione, qualificandosi per la Coppa UEFA. Anche il Parma ha raggiunto i quarti di finale della Coppa delle Coppe UEFA 1995-96 in quella stagione. Il Parma ha terminato la stagione di Serie A 1996-97 come vice-campione della Juventus in Serie A, permettendogli di qualificarsi per la UEFA Champions League nella stagione successiva. Il Parma è stato nuovamente eliminato nel secondo turno della Coppa Italia e nel primo turno della Coppa UEFA in quella stagione. Nella stagione 1997-98, il Parma ha concluso al quinto posto in Serie A e ha raggiunto le semifinali di Coppa Italia, mentre sono stati eliminati nella fase a gironi della Champions League, finendo secondi nel loro gruppo ai campioni in carica Borussia Dortmund.

Nella sua quarta stagione con il club, Cannavaro ha vinto il suo unico trofeo europeo, la Coppa UEFA, oltre a vincere la Coppa Italia. Il Parma ha terminato la stagione di Serie A al quarto posto, un punto dalla Fiorentina al terzo posto. Nella stagione successiva, il fratello di Fabio, Paolo Cannavaro, si unì alla squadra, e i due fratelli Cannavaro poterono giocare insieme per le prossime due stagioni. Fabio ha vinto il suo primo titolo di Supercoppa Italiana contro i campioni di Serie A del Milan e il Parma ha concluso la stagione di Serie A al quarto posto, legato con l’Internazionale per il restante posto in Champions League. Tuttavia, il Parma ha perso 3-1 contro l’Inter nella partita di spareggio di Serie A Champions League, non riuscendo a qualificarsi per la fase a gironi della Champions League. Hanno iniziato nel terzo e ultimo turno di qualificazione della Champions League e sono stati eliminati dai Rangers. Sono stati eliminati negli ottavi di Coppa UEFA e Coppa Italia in quella stagione.

Nella stagione 2000-01, Cannavaro ha aiutato a guidare il Parma in un’altra finale di Coppa Italia, in cui sono stati sconfitti dalla Fiorentina. Sono stati eliminati nel terzo turno della Coppa UEFA in quella stagione. Il Parma ha anche concluso la stagione al quarto posto per la terza stagione consecutiva, che ha permesso loro di passare al turno preliminare di Champions League, anche se il Parma non era in grado di qualificarsi. Nella sua ultima stagione con il Parma, Cannavaro è riuscito a vincere il suo secondo titolo di Coppa Italia, oltre la Juventus, mentre il Parma è stato eliminato agli ottavi di Coppa UEFA e ha chiuso la stagione di Serie A al decimo posto. A partire dal 1997, ha iniziato a guadagnare call-up per la squadra maggiore della nazionale a causa delle sue prestazioni per il Parma, ed è stato costantemente uno dei migliori difensori della Serie A. Nel suo tempo con il Parma, Cannavaro ha fatto oltre 250 presenze in tutto gare, segnando cinque gol.

Nell’estate del 2002, Cannavaro è entrato a far parte di Internazionale per un valore di 23 milioni di euro, con un contratto di quattro anni [16]. All’epoca il Parma era in difficoltà finanziaria, mentre l’Inter aveva appena perso un titolo in Serie A in circostanze drammatiche alla Juventus ed era in procinto di ricostruire dopo quattro anni spogli e la partenza dell’attaccante Ronaldo. Insieme a Francesco Coco e al suo ex compagno di squadra di Parma Hernán Crespo, Cannavaro avrebbe dovuto essere uno dei volti di una nuova interpretazione dell’Inter guidata dal manager Héctor Cúper.

Tuttavia, durante l’incantesimo di Cannavaro con il club, l’Inter è stata per lo più lusingata. La sua esperienza con la squadra è iniziata promettente, con l’Inter che ha raggiunto la semifinale della Champions League 2002-03 e ha anche terminato la stagione in Serie A con la Juventus nella sua prima stagione con il club. Tuttavia, la sua seconda stagione non è stata così produttiva, e ha perso una grossa fetta di esso attraverso l’infortunio. Inoltre è stato spesso giocato fuori posizione. L’Inter è arrivato quarto in Serie A e ha raggiunto le semifinali della Coppa Italia, perdendo contro la Juventus ai calci di rigore. L’Inter è arrivata terza nel suo gruppo in Champions League, ma avrebbe continuato a raggiungere i quarti di finale della Coppa UEFA. Dopo due anni con il club, è stato venduto alla Juventus in un sorprendente scambio di parti, dopo poco più di 50 presenze e due gol. Dopo aver lasciato l’Italia, Cannavaro ha spesso parlato negativamente del suo incantesimo all’Inter, confrontando il club in modo sfavorevole con le sue altre squadre italiane, Parma e Juventus.

Dopo un periodo di due anni con l’Inter, Cannavaro ha firmato per la Juventus il giorno di scadenza della finestra di trasferimento dell’estate. L’accordo ha comportato anche lo scambio del portiere di riserva Fabian Carini, partito per l’Inter, entrambi con un prezzo di 10 milioni di euro . Trasferendosi a Torino, si è ricongiunto con i suoi ex compagni di Parma Lilian Thuram e Gianluigi Buffon, e insieme il trio ha formato una delle difese più temute in Serie A, al fianco di Gianluca Zambrotta, Gianluca Pessotto, Alessandro Birindelli, Jonathan Zebina e Federico Balzaretti. La Juventus è andata a vincere due scudetti consecutivi nel 2005 e nel 2006, pur avendo subito eliminazioni consecutive nel quarto di finale in Champions League. Nella stagione precedente, era anche in coppia con le icone del club Paolo Montero e Ciro Ferrara. Cannavaro ha anche vinto quattro premi Oscar del Calcio, gli Oscar del calcio italiano, per le sue eccezionali stagioni con i giganti torinesi, vincendo il difensore dell’anno 2005, il difensore dell’anno 2006, il giocatore italiano dell’anno 2006 e il giocatore 2006 dell’anno.

Dopo la Coppa del Mondo del 2006, i verdetti del processo di Calciopoli hanno relegato la Juventus in Serie B. Poiché la Juventus non era in grado di qualificarsi per la Champions League, Cannavaro ha deciso di andarsene. “Anche se so che questo può essere difficile da credere, sarei rimasto alla Juventus se fossero rimasti in Serie A – anche con una detrazione di 30 punti”. Ha seguito il manager della Juve Fabio Capello nel Real Madrid nell’estate del 2006. Nel suo biennale con Scudetto e Juventus, Cannavaro ha collezionato oltre 100 presenze in tutte le competizioni. Il suo trasferimento è stato accolto con disappunto dai tifosi della Juventus, che lo avevano accettato come uno di loro.

Il Real Madrid ha pagato 7 milioni di euro per firmare Cannavaro, e gli ha regalato la maglia numero 5 che era stata precedentemente indossata dall’ex giocatore del Real Madrid e dalla nazionale francese Zinedine Zidane. Cannavaro ha trascorso tre stagioni a Madrid, vincendo il titolo della Liga nel 2006-07 e nel 2007-08, ed è stato nominato Miglior Giocatore dell’Anno FIFA 2006, [19] vincendo anche il Pallone d’Or 2006. Cannavaro è stato eletto come membro delle squadre FIFPro World XI del 2006 e del 2007 e della Squadra dell’Anno UEFA del 2006. È stato nominato nella rosa dei sei uomini per Laureus World Sportsman of the Year 2007.

Durante la sua ultima stagione a Madrid, il declino di Cannavaro cominciò ad essere evidente, specialmente durante la stagione 2008-09. A causa della sua età avanzata, è stato spesso visto in difficoltà di fronte a avversari pacy come Lionel Messi e Fernando Torres, portando al Real Madrid subendo un numero qualsiasi di goal. Il 19 maggio 2009, è stato confermato che Cannavaro sarebbe tornato alla Juventus per la stagione 2009-10 alla conclusione del suo contratto. Nella sua ultima partita allo stadio Santiago Bernabéu, gli è stata data una standing ovation da parte dei tifosi. Nell’aprile 2013, Cannavaro è stato nominato da Marca come membro del “Miglior undici stranieri nella storia del Real Madrid”.

Tre anni dopo che Cannavaro lasciò la Juventus, e dopo la fine del suo contratto con il Real Madrid, nell’estate del 2009 decise di tornare al club. Cannavaro ha iniziato la nuova stagione molto bene, formando buone collaborazioni difensive con Nicola Legrottaglie, Martín Cáceres, Zdeněk Grygera, Fabio Grosso e soprattutto con Giorgio Chiellini, davanti al portiere Gianluigi Buffon. Tuttavia, dall’autunno in poi, la forma della Juventus ha preso una brutta piega. Dopo essere rimasto ferito per un po ‘alla fine del 2009, Cannavaro ha lottato con la sua stessa forma sia sul suo ritorno che successivamente, e la Juventus è stata eliminata dalla Champions League, finendo terza nel loro gruppo.

Nel marzo 2010, il rapporto di Cannavaro con i tifosi della Juventus, già fragile a causa del tradimento del club quando è partito per il Real Madrid, ha toccato un minimo storico. In una partita della UEFA Europa League contro il Fulham, la Juventus, che aveva vinto 3-1 in casa, era in testa per 1-0 al Craven Cottage di Londra. All’inizio del primo tempo, Cannavaro ha accumulato due prenotazioni per sfide spericolate e è stato espulso. Ridotto a dieci uomini, la Juventus è crollata a causa di una perdita 4-1 ed è stata eliminata nel complesso. Cannavaro ha infuriato i tifosi con l’espulsione e il conseguente ruolo nell’eliminazione della squadra. La Juventus è stata eliminata anche nei quarti di finale della Coppa Italia per i campioni e i treble internazionali.

Il club ha chiuso la stagione di campionato al settimo posto, con solo un posto in Europa League, il peggior risultato in Serie A per un decennio. La Juventus successivamente confermò che il contratto di Cannavaro non sarebbe stato rinnovato. Le sue esibizioni erano diventate inaffidabili, tanto che il suo paese natale Napoli non fece alcun tentativo di firmarlo, nonostante Cannavaro esprimesse il desiderio di ricongiungersi al club in più di un’occasione.

Il 2 giugno 2010, è stato annunciato che Cannavaro si sarebbe trasferito sul lato della lega degli Emirati Arabi Uniti Al-Ahli su un trasferimento gratuito dopo i Mondiali del 2010. Cannavaro ha firmato un accordo biennale [24]. Ha fatto 16 presenze con il club di Dubai, segnando due gol. Cannavaro ha annunciato il suo ritiro dal calcio nel luglio 2011 a causa di un grave problema al ginocchio; i medici gli avevano detto che non poteva più giocare.

Un anno dopo il ritiro di Cannavaro da Al-Ahli, è stato annunciato che si sarebbe unito alla squadra della lega indiana Siliguri. In un’asta di calciatori la cui line-up includeva nomi come Jay-Jay Okocha, Hernán Crespo e Robbie Fowler, Cannavaro è stata comprata da Siliguri per $ 830.000, superando il suo “prezzo base” di $ 50.000.Tuttavia, il campionato non è mai stato realizzato e Cannavaro è rimasto in pensione.

I MONDIALI CON LA NAZIONALE

Cannavaro ha capitanato l’Italia in tutta la sua campagna di coppa del mondo 2006 con compostezza e aplomb sotto la guida di Marcello Lippi. Una delle sue prestazioni chiave è arrivata con una vittoria supplementare per 2-0 contro la Germania ospite nelle semifinali del torneo: all’ultimo minuto dei tempi supplementari, con l’Italia in testa per 1-0 e affrontando un attacco tedesco, Cannavaro è stato espulso Per Mertesacker per cancellare la palla dalla sua area.

Successivamente ha corso in avanti per spodestare Lukas Podolski, e ha portato il pallone a Francesco Totti a centrocampo, che ha iniziato il gioco che ha portato al secondo gol dell’Italia, che è stato segnato da Alessandro Del Piero da un assist di Alberto Gilardino. tuttavia, il coronamento di Cannavaro ha sollevato il trofeo della Coppa del Mondo il 9 luglio 2006, la notte del suo 100 ° cap. Cannavaro non ha ricevuto una sola carta gialla o rossa durante i 690 minuti che ha giocato nel torneo. La sua performance difensiva in finale gli è valsa il soprannome di “Wall of Berlin”, in quanto la finale è stata giocata a Berlino.

Insieme al portiere Gianluigi Buffon, Cannavaro ha giocato ogni minuto di ogni partita del torneo per l’Italia, completando 211 passaggi e vincendo 16 sfide. Anche con il solito difensore Alessandro Nesta in uscita a causa di un infortunio, la difesa italiana ha mantenuto un record di cinque fogli e ha subito solo due gol in tutto il torneo: un autogol contro gli Stati Uniti e un rigore di Zinedine Zidane in finale contro la Francia.

La leadership e lo schieramento di Cannavaro della difesa italiana durante la loro marcia fino alla finale gli è valsa un posto nella squadra All-Star alla fine della competizione (premiata dal Gruppo di studio tecnico della FIFA) insieme ad altri sei compagni italiani: Gianluigi Buffon, Francesco Totti, Gennaro Gattuso, Andrea Pirlo, Luca Toni e Gianluca Zambrotta. È stato vice-campione nella corsa al Golden Ball, terminando dietro la controparte francese Zinedine Zidane; è stata una gara ravvicinata con i sondaggi Zidane del 2012 per Cannavaro del 1977. Cannavaro è stato anche insignito del Pallone d’oro 2006 e del FIFA World Player of the Year 2006 per le sue esibizioni nel corso della stagione e in Coppa del Mondo, essendo stato nominato per il FIFPro World XI e il Team UEFA di l’anno.

CARRIERA DA ALLENATORE

Il 25 agosto 2011, Cannavaro è stato nominato ambasciatore del marchio e consulente tecnico di Al-Ahli Club di Dubai. Nel luglio 2013, dopo che Cosmin Olăroiu è diventato il nuovo allenatore di Al-Ahli, Cannavaro è stato nominato il suo primo allenatore della squadra. Ha guidato Al-Ahli nella Lega Pro della UAE e nella Coppa di Lega degli EAU nella sua prima stagione in carica.

Il 5 novembre 2014, Cannavaro è stato nominato nuovo capo allenatore del titolo cinese della Super League e quattro volte campione di Guangzhou Evergrande, in sostituzione del suo ex manager della nazionale Marcello Lippi. Cannavaro è stato ufficialmente svelato dal club lo stesso giorno. Il 4 giugno 2015, Guangzhou Evergrande ha annunciato improvvisamente che Cannavaro è stato sostituito da Luiz Felipe Scolari dopo una partita della Super League contro Tianjin Teda.


Il 24 ottobre 2015, Cannavaro è stato nominato nuovo allenatore del club saudita Al-Nassr in sostituzione di Jorge da Silva. L’11 febbraio 2016, Cannavaro ha rescisso il contratto con Al-Nassr. Il 9 giugno 2016, Tianjin Quanjian, in una serie di sette partite consecutive consecutive senza vittoria sotto Vanderlei Luxemburgo, ha annunciato che Cannavaro è diventato il nuovo manager del club. Tianjin Quanjian si è classificato all’ottavo posto in campionato al momento. Il 22 ottobre 2016, ha guidato Tianjin Quanjian per il titolo China League One 2016, sigillando così la promozione alla Chinese Super League 2017. Sotto Cannavaro, Tianjin Quanjian ha concluso al terzo posto il suo esordio di primo livello con 15 vittorie, 9 pareggi e 6 sconfitte e avanzato agli spareggi delle qualificazioni AFC Champions League 2018.

Il 6 novembre 2017, Tianjin Quanjian ha annunciato che il club ha accettato le dimissioni di Cannavaro dal club. Ha vinto il premio Coach of the Year della Football Association cinese a novembre 2017. Il 9 novembre 2017, Guangzhou Evergrande ha nominato Cannavaro come manager per la seconda volta. Il 15 marzo 2019, Cannavaro è stato nominato direttore della squadra nazionale cinese, in collaborazione con il coaching Guangzhou Evergrande.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/ibianconeri/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704