Giocatori

Gianluca Pessotto

Gianluca Pessotto, nato l’11 agosto 1970, è un calciatore in pensione che ha giocato come difensore o centrocampista. Ex nazionale italiano, ha trascorso la maggior parte della sua carriera nel club con la Juventus, dove ha vinto diversi trofei nazionali e internazionali, ed ora è a capo del suo sistema giovanile. Ha rappresentato il suo paese alla Coppa del Mondo FIFA 1998, e alla UEFA Euro 2000, raggiungendo la finale di quest’ultimo torneo.

Dopo il suo ritiro nel 2006, Pessotto è rimasto alla Juventus come membro dello staff tecnico. Attualmente è il direttore sportivo (Direttore Sportivo) dell’accademia giovanile del club. Pessotto ricevette il soprannome di “Il professorino” dai fan, grazie ai suoi occhiali, al suo interesse per la filosofia e la letteratura, e poiché era in grado di ottenere una laurea in giurisprudenza durante la sua carriera. La sua resistenza e capacità di correre molto velocemente – anzi spesso veniva descritto come quasi “volante” sul campo nei media – gli è valso anche il soprannome di “Passerotto”.

LA CARRIERA

Nato a Latisana, in provincia di Udine, Pessotto ha iniziato la sua carriera nel sistema giovanile milanese A.C. Tuttavia, è stato immediatamente venduto ad A.S. Varese 1910 nel 1989. Non ha mai fatto un’apparizione professionale per Milano.
Dopo essersi unito a Varese nel 1989, Pessotto ha iniziato ufficialmente la sua carriera professionale. In due stagioni complete con il club, ha collezionato ben 64 presenze, trovando anche il retro della rete in un’occasione da solista. Nell’agosto del 1991, Pessotto si è trasferito negli Stati Uniti Massese nel 1919, sebbene sia rimasto al club solo per una stagione. nella sua stagione solitaria, è apparso 23 volte in campionato, segnando un gol.

Seguendo impressionanti incantesimi con entrambi A.S. Varese 1910 e U.S. Massese 1919, si trasferì a, quindi, il club di Serie B Bologna F.C. 1909 nell’estate del 1992. Pur essendo un trasferimento molto atteso, Pessotto fece solo 21 presenze in campionato, e fu venduto a conclusione della stagione. Ha anche segnato un gol per il club bolognese. Dopo una stagione con il Bologna in Serie B, Pessotto si è trasferito al club di Serie B, Hellas Verona F.C. nel 1993. Pessotto è stato un antipasto indiscusso per gran parte della stagione, impressionando molto. Ha collezionato 34 presenze in campionato con un record stagionale di 3 reti.

Dopo aver impressionato nella seconda divisione del calcio italiano, Pessotto si è trasferito a Torino F.C. nel 1994. Nella sua prima stagione in Serie A, Pessotto ha collezionato una posizione di partenza con 32 presenze in campionato e il suo primo gol in Serie A. Dopo essere rimasto molto impressionato nella sua stagione di Serie A, Pessotto si è trasferito ai rivali cittadini e ai giganti europei della Juventus, nel 1995, in quello che è stato un trasferimento molto apprezzato.

Complessivamente, Pessotto ha conquistato 22 presenze in Italia tra il 1996 e il 2002, sotto la guida di Arrigo Sacchi (1996), Cesare Maldini (1996-98), Dino Zoff (1998-2000) e Giovanni Trapattoni (2000-2002). Ha giocato per il suo paese alla Coppa del Mondo FIFA 1998, dove l’Italia è stata eliminata dai padroni di casa e dalla Francia ai calci di rigore nei quarti di finale, e ad Euro 2000. A Euro 2000, Pessotto ha segnato un rigore nella semifinale vittoria contro ospita l’Olanda, che ha mandato l’Italia in finale contro la Francia. Nel finale, Pessotto creerebbe l’obiettivo di Delvecchio; tuttavia, ha vinto solo una medaglia d’oro, mentre l’Italia ha perso contro la Francia per il secondo torneo consecutivo, dopo aver subito un pareggio all’ultimo minuto, e poi subendo un gol d’oro di David Trézéguet. Trezeguet è diventato il suo compagno di squadra della Juventus nella stagione successiva. Non è stato in grado di prendere parte ai Mondiali del 2002 con l’Italia a causa di un infortunio.

Nonostante all’inizio non fosse conosciuto come il calciatore più dotato di talento, appariscente o tecnicamente dotato, Pessotto era considerato una promettente prospettiva in gioventù, e in seguito si è fatto un nome come corretto, laborioso, affidabile, tatticamente intelligente, giocatore di utilità efficiente e versatile, con un solido controllo della palla e un buon senso posizionale, che era in grado di giocare come terzino d’attacco o di terzino alato, o anche come centrocampista largo su entrambi i fianchi.

Pur essendo naturalmente con il piede destro, era in grado di giocare con entrambi i piedi, e di solito preferiva giocare sul lato sinistro del campo. In questo ruolo, era noto per il suo passo, calma calma, e resistenza, così come la sua capacità di inseguire e chiudere gli avversari, riconquistare la palla, e successivamente portarlo sul fianco, giocare scambi con i compagni di squadra, andare avanti, consegnare croci nell’area, per gentile concessione della sua distribuzione e capacità di effettuare tiri d’attacco, che gli hanno consentito di coprire efficacemente il fianco. Era anche in grado di giocare come centrocampista centrale o difensivo, e talvolta veniva utilizzato anche come difensore centrale, a causa della sua consistenza, consapevolezza e capacità di marcatura dell’uomo. Era anche un tiratore di rigore accurato. Nonostante il suo carattere riservato, la sua sportività, l’atteggiamento leale, la professionalità, la disciplina, lo stile di gioco elegante e la socievolezza lo hanno reso una figura importante, benvoluta e rispettata nello spogliatoio, tra i suoi compagni di squadra e i suoi dirigenti.

Dopo il suo ritiro, Pessotto è stato successivamente nominato nuovo manager della squadra Juventus. Settimane dopo il suo ritiro da calciatore, è sopravvissuto a una caduta di 15 metri da una finestra del quarto piano nel quartier generale della Juventus, il 27 giugno 2006. Mentre teneva in mano un rosario, si ritiene che stesse tentando di suicidarsi sulla scia di lo scandalo di Calciopoli che ha portato il suo club a essere privato di due titoli di Serie A e retrocesso in Serie B per la prima volta nella storia. Ha sofferto di fratture multiple e emorragie interne dalla caduta. Il 17 luglio 2006, il personale medico lo dichiarò fuori pericolo e dichiarò che non avrebbe avuto danni mentali a lungo termine o paralisi fisica.

Dopo il recupero, Pessotto riprese le sue funzioni direttive. Nell’estate del 2009 è stato nominato allenatore Primavera (U-20), in sostituzione dell’ex compagno di squadra Ciro Ferrara, che era stato appena nominato il nuovo primo team manager.