GiocatoriJuventusStoria Stagioni

I 5 più grandi flop della Juventus del decennio

i flop della juve di sempre

Con il 2020 dietro l’angolo, è il momento di dare un’occhiata ai cinque più grandi errori di trasferimento che la Juventus ha fatto nell’ultimo decennio.
Uno degli aspetti più importanti dell’essere un successo nel calcio è la riduzione al minimo del rischio sia in campo che fuori, il che è qualcosa in cui la Juventus è eccellente.

Oltre a vincere la Serie A nelle ultime otto stagioni, il consiglio bianconero ha preso alcune brillanti decisioni dal punto di vista commerciale. Ha permesso al portafoglio del club di espandersi in tutto il mondo e di guadagnare proficuamente.

Questo è stato un fattore chiave dietro l’acquisizione di Cristiano Ronaldo dal Real Madrid per € 112 milioni nel 2018.Come la maggior parte dei club, tuttavia, non sono sempre stati perfetti nel mercato dei trasferimenti e alcuni giocatori non sono stati all’altezza delle aspettative. Prova come potrebbero, semplicemente non c’era modo di aggirarlo.

Quindi, con questo in mente, esamineremo i cinque peggiori acquisti che la Juventus ha fatto nell’ultimo decennio.
Nicolas Anelka
L’ex stella dell’Arsenal e del Chelsea ha subito un disastroso breve periodo a Torino durante la campagna 2012/2013.

La Juventus ha firmato Anelka dal club cinese Shanghai Shenhua con un contratto di sei mesi a gennaio 2013. L’unico obiettivo dell’attaccante francese era quello di portare un po ‘più di potenza di fuoco nella squadra.

E con un background prolifico in Premier League, Anelka si aspettava di brillare in Italia.

Ma l’ex asso del Manchester City non ha trovato il retro della rete nemmeno una volta in sole tre uscite.

“Ho deciso di accettare la Juve perché è un club fantastico, con una grande storia e anche perché sono stati i migliori in Italia”, ha detto Anelka a Tutto Juve.

“Sfortunatamente, questa rimarrà la mia peggiore esperienza poiché ho giocato solo 45 minuti e non ho mai avuto la possibilità di indossare la maglia allo Juventus Stadium di fronte ai tifosi.

“Onestamente, quando qualcuno mi parla della Juventus, provo a cambiare immediatamente argomento. Mi vergogno del trasferimento! ”

Tuttavia, ha vinto comunque una medaglia vincitrice della Serie A per i suoi sforzi.

Anelka tornò in Inghilterra lo stesso anno con West Brom prima di ritirarsi definitivamente nel 2016 a seguito di un incantesimo in India che suonava per Mumbai City.
Eljero Elia
La Vecchia Signora aveva grandi speranze nel completare la firma di € 5,50 milioni dell’ala di Amburgo Elia nel 2011.

L’olandese ha messo la penna sulla carta con un contratto di quattro anni e sembrava pronto per un futuro luminoso a Torino. Tuttavia, si è rivelato invece l’esatto contrario.

L’allenatore Antonio Conte non era un fan e presumibilmente è andato per tutta la stagione 2011/12 senza pronunciare una sola parola.

Il tempo di Elia in campo, quindi, ha sofferto molto poiché ha collezionato solo cinque presenze in tutte le competizioni. Inoltre, la fiducia del giocatore si è frantumata a causa della sua gelida relazione con Conte.

Quindi non è stato sorprendente quando ha consegnato una richiesta di trasferimento poco dopo aver completato la sua unica campagna.

L’ex uomo di Southampton e Twente attualmente gioca in Turchia per Istanbul Basaksehir FK.
Dani Alves
Dopo che Barcellona ha terminato il suo contratto prematuramente nel 2016, Alves ha deciso di trasferire i suoi talenti in Italia.

Anche se la campagna di debutto del terzino brasiliano è stata viziata da una gamba rotta, che lo ha messo da parte per tre mesi. Tuttavia, è tornato in tempo per aiutare la Juventus a vincere un doppio nazionale.

Nonostante abbia segnato nella finale di Coppa Italia e aiutato il club a raggiungere la finale di Champions League, Alves non è durato più di un anno .

“Ne ho parlato con i miei compagni di squadra – mi sono unito alla Juventus anche per dimostrare al calcio italiano che potrebbe migliorare e aumentare il suo livello”, ha detto Alves a Sky Sport Italia .

“Non avevo capito e volevo fare qualcosa di più, ma sentivo che non era facile per me.

“Non ero felice come ero abituato a esserlo e questo mi è costato molto sforzo. Questo è il motivo per cui ho scelto di non continuare. ”
Jorge Martinez
La decisione della Juventus di pagare 12 milioni di euro per Jorge Martinez nel 2010 ha lasciato perplessi i tifosi per anni.

Il centrocampista uruguaiano non aveva mai giocato per un grande club, e il suo più grande successo è stato aiutare il Catania a raggiungere un punteggio totale nella stagione 2009/10 con un dodicesimo posto.

Quindi non è stata una sorpresa vederlo lottare per lasciare un segno nella squadra bianconera.

Non ha aiutato le cose è stata la tendenza di Martinez ad afferrare la palla, che ha lasciato i fan fumanti sul giocatore “egoista”.

Anche il 36enne non è durato a lungo, con la Juventus che lo ha spedito in prestito a Cesena, Cluj, Novara e Juventud tra il 2011 e il 2016 prima che finalmente si unisse definitivamente a quest’ultimo.

La sua unica stagione calcistica a Torino si è conclusa con un settimo posto nella campagna di Serie A 2010/11.
Marko Pjaca
L’arrivo della nazionale croata di 18 milioni di euro dalla Dinamo Zagabria nel 2016 è stato accolto calorosamente dai fedeli bianconeri. Avevano grandi speranze per l’ala giovane e pacifica dell’epoca.

Tre anni dopo, tuttavia, Pjaca ha fatto solo 20 presenze in totale per la Juventus. Il suo periodo di prestito alla Fiorentina la scorsa stagione chiaramente non ha funzionato, con il 24enne chiaramente ancora sfavorito.

Pertanto, la Juventus probabilmente cercherà di recuperare alcuni dei 18 milioni di euro che hanno investito in Pjaca nelle prossime finestre di trasferimento.