Storia Stagioni

Juventus. La stagione 2011-12

La stagione 2011-12 è stata la 114esima presenza della Juventus Football Club e la quinta stagione consecutiva nella massima serie del calcio italiano. Il club vinse il suo primo campionato in nove anni.

L’ex capitano della squadra e il favorito dei fan Antonio Conte è stato ufficialmente nominato nuovo allenatore il 31 maggio 2011, subentrato nel posto lasciato in precedenza vacante in seguito al licenziamento di Luigi Delneri. Fu il primo incarico di Conte in un importante club di Serie A; in precedenza ha gestito rispettivamente Siena, Arezzo, Atalanta e Bari, vincendo due promozioni Serie A nel processo (con Bari e Siena). Il suo arrivo è coinciso con le acquisizioni di Andrea Pirlo e Arturo Vidal, entrambi centrocampisti di prima classe. La stagione 2011-12 ha segnato anche l’apertura di un nuovo stadio, denominato Juventus Stadium. E ‘stato ufficialmente inaugurato l’11 settembre, in una partita contro il Parma che si è conclusa 4-1. La prima metà del campionato ha visto la Juventus conquistare diverse vittorie chiave come il Milan e l’Inter, entrambe battute nel mese di ottobre.

Nonostante le critiche per la mancanza di un centravanti, un ruolo a volte coperto da Matri, la squadra è stata in grado di segnare regolarmente con i suoi altri giocatori. La Juventus ha raggiunto il primo posto, e il titolo è stato sicuramente vinto nella penultima partita della stagione a causa del successo per 2-0 a Cagliari – la prima volta in nove anni La Juventus ha chiuso la stagione senza perdite, battendo un record per il campionato da 20 squadre in Italia. La squadra di Conte ha anche giocato la finale di Coppa Italia, perdendo con il Napoli 2-0 – la prima e unica perdita stagionale. Questa partita è stata l’ultima della Juventus per Alessandro Del Piero, che sette giorni prima aveva segnato il suo ultimo gol in una vittoria per 3-1 sull’Atalanta . Dopo la vittoria per 3-1 nell’ultima giornata contro l’Atalanta, la Juventus è diventata la prima squadra a vincere senza mai perdere lo Scudetto con il nuovo formato a 20 squadre.

La Juve di Conte ha impressionato per via della sua tenacia e del suo gioco di squadra anche se ci sono state molte polemiche relative alla partita Milan-Juve in cui l’arbitro non vide un gol segnato dal Milan con la palla che aveva superato la linea di porta. Questa Juve è rimasta nel cuore dei tifosi bianconeri per via della sua voglia e determinazione in quanto si è trattato del ritorno alla vittoria della squadra dopo il purgatorio della Serie B e le altalenanti prestazioni della squadra con Ranieri in panchina.