Giocatori

Liam Brady

William Brady, (nato il 13 febbraio 1956), è un ex calciatore irlandese e vice direttore della nazionale di calcio della Repubblica d’Irlanda. Brady era un talentuoso centrocampista offensivo noto per il suo piede sinistro e le sue doti tecniche eleganti come il suo passaggio di qualità, la sua visione e il controllo ravvicinato, che lo hanno reso un eccellente regista. Nonostante un ritmo e un ritmo di lavoro soddisfacenti, ha combinato con una notevole tenacia, un obiettivo per la meta da centrocampo e un’accurata penalizzazione. Oltre alla sua abilità calcistica, Brady si è distinto per tutta la sua carriera per la sua professionalità. Ha ottenuto successi sia in Inghilterra che con l’Arsenal, dove ha vinto una FA Cup e l’Italia con la Juventus, vincendo due titoli di Serie A. Brady ha totalizzato un massimo di 72 presenze con la nazionale irlandese.

Brady ha continuato a gestire due club – Celtic e poi Brighton e Hove Albion – insieme ad essere il vicedirettore della squadra nazionale di calcio irlandese. Ha anche ricoperto la carica di Capo dello sviluppo giovanile all’Arsenal, ed è attualmente un esperto di televisione con RTÉ Sport. Brady è nato e cresciuto a Dublino e ha frequentato il C.B.S. di St. Aidan, lasciando prima il suo certificato intermedio. All’epoca sosteneva di essere stato espulso per aver perso una partita di football gaelico per giocare a calcio scolaro internazionale; la scuola ha negato questo.

Brady ha iniziato la sua carriera all’Arsenal, trasferendosi a Londra per entrare a far parte del gruppo scolastico nel 1971, all’età di 15 anni. È diventato professionista nel suo 17 ° compleanno nel 1973, e ha fatto il suo debutto il 6 ottobre 1973 contro il Birmingham City come sostituto per Jeff Blockley, e ha dato una prestazione sicura. Tuttavia, la sua prossima partita, in un derby del nord di Londra contro il Tottenham Hotspur, Brady ha avuto una partita povera, e il manager dell’Arsenal, Bertie Mee, ha deciso di utilizzare il giovane irlandese per il momento. Brady ha concluso la stagione 1973-74 con 13 presenze (quattro delle quali in sostituzione) con il suo nome.

Nel 1974-75 Brady era un regular della prima squadra all’Arsenal, e brillava come una luce rara in una squadra che si aggirava vicino alla retrocessione per un paio di stagioni a metà degli anni ’70. Con la nomina di Terry Neill a manager e il ritorno di Don Howe come allenatore, Brady ha trovato la sua forma migliore. La sua scomparsa ha fornito le munizioni per gli uomini dell’Arsenal come Malcolm Macdonald e Frank Stapleton, e l’Arsenal ha raggiunto tre finali di FA Cup di fila tra il 1978 e il 1980. L’Arsenal ha vinto solo la metà dei tre, contro il Manchester United nella finale del 1979, con Brady ha iniziato la mossa che si è conclusa nel famoso vincitore dell’ultimo minuto di Alan Sunderland.

Brady era al culmine della sua forma di Arsenal ormai, come dimostrato da uno dei suoi migliori obiettivi per l’Arsenal; avendo spodestato Peter Taylor ha fatto volare un tiro ad anello dal limite dell’area di rigore all’angolo in alto, in una vittoria per 5-0 contro il Tottenham Hotspur il 23 dicembre 1978. Durante questo periodo è stato votato giocatore del club dell’anno tre volte , e scelto come Giocatore dell’Anno dei Giocatori PFA nel 1979. Essendo dalla Repubblica d’Irlanda, è stato il primo giocatore straniero a vincere il premio.

Era il giocatore più talentuoso di quello che allora era un promettente giovane Arsenal, che stava cercando di sfidare costantemente onori come il titolo della Division One. Nonostante questo, dalla stagione 1979-80 si sparse la voce che Brady avrebbe lasciato il club alla ricerca di una nuova sfida.

Quella stagione, l’Arsenal ha raggiunto la finale di Coppa delle Coppe (perdendo con il Valencia ai rigori), avendo battuto la Juventus per 2-1 in semifinale. La prestazione di Brady nella cravatta ha impressionato i giganti italiani e nella stagione di chiusura del 1980 lo hanno firmato per poco più di £ 500.000, diventando il primo giocatore straniero a firmare per il club da quando i confini italiani sono stati riaperti per trasferimenti esteri nel 1980. Viene ricordato come uno dei più grandi di tutti i tempi dell’Arsenal, giocando 307 partite per i Gunners, segnando 59 gol e piazzando molti di più.

Brady ha trascorso due stagioni con la Juventus, indossando la maglia numero 10 e collezionando due medaglie d’Italia, nel 1981 e nel 1982; Brady ha segnato l’unico gol (una penalità) nella vittoria per 1-0 contro Catanzaro che ha vinto il titolo del 1982. Dopo l’arrivo di Michel Platini nell’estate del 1982, Brady si trasferì in Sampdoria, e continuò a suonare per Internazionale (1984-1986) e Ascoli (1986-1987), prima di tornare a Londra nel marzo 1987, per una tassa di trasferimento di £ 100.000 , giocare per il West Ham United, dove ha segnato 10 gol in 119 partite in tutte le competizioni. Era un membro della squadra retrocessa dalla Prima Divisione nel 1989 e ha giocato una stagione nella Seconda Divisione prima di ritirarsi definitivamente come giocatore nel 1990. La sua ultima partita è arrivata il 5 maggio 1990, una vittoria casalinga per 4-0 contro il Wolverhampton Wanderers, una partita in cui ha segnato.

CARRIERA INTERNAZIONALE E MANAGERIALE

Brady ha fatto il suo debutto in Irlanda il 30 ottobre 1974, in una vittoria per 3-0 contro l’Unione Sovietica a Dalymount Park in una gara di qualificazione europea. Brady ha affermato che il suo obiettivo internazionale preferito era quello contro il Brasile nel 1987. A causa di una sospensione accumulata prima di Euro 88, non era idoneo a giocare all’interno del torneo. Durante la qualificazione per Italia 90 Brady si è ritirato dal gioco internazionale. Mentre l’Irlanda arrivava alla Coppa del Mondo si dichiarò disponibile a giocare ancora una volta. Tuttavia, Jack Charlton dichiarò che solo quelli che giocavano nelle qualificazioni avrebbero fatto il viaggio in Italia. Ha vinto 72 presenze in nazionale per la Repubblica d’Irlanda con 70 nella formazione iniziale, segnando 9 gol.

Dopo essersi ritirato dal gioco nel 1990, ha diretto il Celtic tra il 1991 e il 1993, e poi Brighton & Hove Albion tra il 1993 e il 1995. Nessuno dei due incantesimi ha avuto particolare successo, e in entrambi i club il ruolo di Brady è stato oscurato dai problemi finanziari dei rispettivi club. Al Celtic, Brady non è riuscito a vincere un solo trofeo nel suo mandato di due anni, e ha incluso una sconfitta per 5-2 contro il Neuchatel Xamax nella Coppa UEFA 1991-92, una delle peggiori sconfitte europee nella storia del club.

Brady non avrebbe avuto maggiore successo con Brighton, partendo in seguito a un disaccordo sul modo in cui il club veniva gestito; in seguito condusse una gara senza successo da parte di un consorzio per l’acquisto del club. Rimane coinvolto con i nuovi proprietari, essendo comparso nei forum dei fan come rappresentante solo nel 2005.

Si è ricongiunto all’Arsenal nel luglio del 1996, come direttore dello sviluppo giovanile e direttore dell’accademia. Sebbene fosse legato al ruolo del manager dopo la partenza di Bruce Rioch, Brady dichiarò di non essere interessato al ruolo e Arsène Wenger alla fine prese il posto. Sotto Brady, le squadre giovanili dell’Arsenal hanno vinto la FA Premier Youth League del 1998, il titolo U17 della FA Premier Academy League nel 2000 e il titolo U19 della FA Premier Academy League nel 2002. Sotto il suo controllo hanno anche alzato i titoli U18 2009 e 2010 della FA Premier Academy League. , insieme alla FA Youth Cup nel 2000, 2001 e 2009.

Brady è stato uno dei dozzine di ex manager legati al lavoro del manager della Repubblica d’Irlanda dopo il licenziamento di Steve Staunton nel 2007. Invece, è diventato assistente del nuovo manager Giovanni Trapattoni al fianco dell’ex compagno di squadra della Juventus Marco Tardelli nel 2008, mentre continuava lavorare come direttore dell’Arsenal Youth Academy. Ha lasciato il posto della Repubblica d’Irlanda nell’aprile 2010 quando il suo contratto è scaduto. Ha dichiarato che sarebbe rimasto volentieri con l’Irlanda se non fosse stato per i suoi impegni in Arsenal. Il 30 gennaio 2013, l’Arsenal ha annunciato che Brady lascerà il suo ruolo di direttore dell’Arsenal Youth Academy nel maggio 2014. Attualmente Brady è ambasciatore della Fondazione Arsenal.

Brady proveniva da una famiglia di calciatori, con entrambi il suo grande zio Frank Brady Sr. e il fratello maggiore Ray Brady che erano stati irlandesi internazionali. Suo fratello più grande Frank ha vinto la FAI Cup con Shamrock Rovers nel 1968 e ha fatto 2 presenze nella Coppa delle Coppe UEFA, mentre un altro fratello, Pat Brady, ha giocato con Millwall e Queens Park Rangers.

Mentre era in Arsenal, e in particolare all’inizio della sua carriera, Brady era soprannominato “Chippy”, non per la sua abilità nel chip della palla, ma per la sua passione per il fish and chips .


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/ibianconeri/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704