Giocatori

Marco Tardelli

Marco Tardelli, nato il 24 settembre 1954) è un ex calciatore e manager italiano. A livello di club, ha giocato come centrocampista per diversi club italiani; ha iniziato la sua carriera con Pisa, poi ha giocato con Como, Juventus e Internazionale, prima di ritirarsi con il club svizzero San Gallo. Ha goduto di una carriera di grande successo con la Juventus, vincendo cinque campionati, oltre a numerosi titoli di Coppa Italia e quattro importanti competizioni UEFA (Coppa dei Campioni, Coppa delle Coppe, Coppa UEFA e Supercoppa UEFA), diventando uno dei primi tre giocatori mai vincere tutte e tre le principali competizioni UEFA per club, insieme a compagni di squadra italiani come Juventus e Antonio Cabrini e Gaetano Scirea.

Anche Tardelli ha raggiunto il successo con la nazionale italiana. Ha rappresentato la sua nazione in un totale di tre FIFA World Cups (1978, 1982 e 1986), vincendo l’edizione 1982 del torneo. La sua meta nella finale del 1982 – dove è scappato scuotendo i pugni, le lacrime che gli scendono dal viso, urlando “Gol! Gol!” come ha scosso la testa selvaggiamente – è considerato uno dei momenti più iconici nella storia della Coppa del Mondo. Ha anche preso parte a UEFA Euro 1980, in cui è arrivato quarto in casa, ed è stato nominato nella squadra del torneo.

Considerato uno dei più grandi centrocampisti italiani e uno dei migliori giocatori della sua generazione, Tardelli era un centrocampista a due vie energico e duro ma tecnicamente esperto, noto per la sua capacità di contribuire sia in attacco che in difesa. Nel 2004, Tardelli è stato nominato 37 ° nel sondaggio UEFA Golden Jubilee; è stato inserito nella Football Hall of Fame italiana nel 2015.

In quanto manager, Tardelli inizialmente ha lavorato con l’Italia Under 16, e in seguito è stato assistente manager di Cesare Maldini per il lato U-21. Successivamente ha guidato diversi club in Italia prima di servire come head coach della nazionale italiana Under 21, vincendo i Giochi del Mediterraneo del 1997 e il Campionato europeo di calcio Under 21 UEFA 2000, prima di tornare a allenare a livello di club. Tra il 2004 e il 2005 ha anche diretto la squadra nazionale di calcio dell’Egitto, mentre è stato assistente manager di Giovanni Trapattoni con la nazionale di calcio della Repubblica d’Irlanda tra il 2008 e il 2013.

LA CARRIERA

Tardelli è nato a Capanne di Careggine, in provincia di Lucca (Toscana). Ha iniziato la sua carriera nella serie C italiana con il club di Pisa nel 1972. Due anni dopo ha giocato in Serie B con Como prima di unirsi ai giganti della Serie A della Juventus l’anno successivo, nell’ottobre 1975. Durante il suo decennale viaggio nel club torinese, ha avuto molto successo, diventando uno dei primi tre giocatori a vincere tutte e tre le principali competizioni europee, al fianco dei compagni Antonio Cabrini e Gaetano Scirea: la Coppa UEFA nel 1977, la Coppa delle Coppe nel 1984 e Coppa dei Campioni nel 1985. Con la Juventus, ha anche vinto cinque campionati italiani di Serie A e due titoli di Coppa Italia, oltre alla Supercoppa Europea del 1984.

Ha segnato il gol decisivo durante l’andata della finale di Coppa UEFA 1977 contro l’Athletic Bilbao, che gli ha permesso di vincere il primo titolo europeo della Juventus. In totale, Tardelli ha giocato 376 partite con la Juventus e segnato 51 gol. Lasciò il club di Torino nel 1985, passando ai rivali di Internazionale, dove rimase fino al 1987, prima di terminare la sua carriera nel 1988, dopo una stagione con il lato svizzero di San Gallo.

Durante un’era in cui l’Italia era conosciuta per il suo valore difensivo (catenaccio), Tardelli si era fatto un nome come un centrocampista difensivo duro ma tecnicamente abile ed elegante, con la capacità di andare avanti e contribuire in modo offensivo; un calciatore a tutto tondo, è stato considerato uno dei migliori centrocampisti del mondo nei primi anni ’80. Giocatore veloce, tenace ed energico, con buoni piedi, è considerato uno dei più grandi centrocampisti italiani di tutti i tempi, ed era un centrocampista a due vie che era noto per la sua intelligenza tattica, la sua versatilità e il suo ritmo di lavoro come calciatore , che gli ha permesso di giocare ovunque a centrocampo.

Anche se di solito era schierato al centro in un ruolo di centrocampista più offensivo, in particolare sotto la guida di Giovanni Trapattoni ed Enzo Bearzot, rispettivamente con Juventus e Italia (noto in italiano come “mezzala”), ha anche giocato in molte altre posizioni in tutto la sua carriera, ed era in grado di giocare come ala su entrambi i fianchi, o anche come difensore; infatti all’inizio della sua carriera, ha giocato come terzino su entrambi i lati del campo, e anche come difensore centrale (o “stopper” in italiano), a causa delle sue abilità di marcatura d’uomo e abilità vincenti.

Tardelli era principalmente famoso per la sua velocità, resistenza e capacità difensive, possedeva anche un tiro potente, ed era capace di colpire e passare la palla con entrambi i piedi, nonostante fosse naturalmente con il piede destro. Grazie al suo ottimo passo e alla sua corporatura snella, il compagno di squadra della Juventus Tardelli, Luciano Spinosi, gli ha dato il soprannome di Schizzo. Oltre alle sue capacità calcistiche, si è distinto anche per la sua leadership nel corso della sua carriera, ed è noto per essere un giocatore decisivo. Nel 2007, il Times collocò Tardelli al numero 10 nella lista dei 50 calciatori più duri della storia.

CARRIERA DA ALLENATORE

Tardelli ha iniziato la sua carriera da dirigente come allenatore della nazionale italiana Under 16 nel 1988, subito dopo il suo ritiro. Due anni dopo, è diventato l’assistente allenatore di Cesare Maldini per la squadra Under 21. Nel 1993, è passato a Como in Serie C1. Ha portato il Como alla promozione in serie B, ma non è riuscito a evitare la retrocessione.

Nel 1995, ha preso il controllo del Cesena, un’altra squadra della serie B. Tardelli passerebbe tre stagioni con il Cesena prima di partire per diventare l’allenatore della nazionale Under 21. Ha vinto l’Under 21 European Championship, l’anno successivo, e ha anche allenato la squadra italiana che ha partecipato alle Olimpiadi estive del 2000, raggiungendo i quarti di finale. Il suo successo con la squadra italiana Under 21 ha portato Tardelli a diventare il manager di Internazionale per la stagione 2000-01. Il suo mandato con i nerazzurri sarebbe breve; dopo una serie di imbarazzanti sconfitte, in particolare una sconfitta per 6-0 contro i rivali locali AC Milan, Tardelli fu licenziato nel giugno 2001. Tardelli non ebbe molta fortuna nei lavori di coaching che seguirono, che includevano incantesimi con Bari, la nazionale egiziana e Arezzo .

Tardelli ha prestato servizio per un breve periodo come membro del consiglio amministrativo della sua ex squadra, la Juventus, nel 2006, prima di dimettersi nel 2007, presumibilmente a causa delle differenze con la gerarchia in merito alla direzione verso cui si dirigeva il club. Nel febbraio 2008 è entrato a far parte dello staff tecnico della squadra nazionale della Repubblica d’Irlanda in qualità di vice-direttore del neo-nominato Giovanni Trapattoni. Si è ricongiunto con l’ex compagno di squadra della Juventus Liam Brady, che è stato anche nominato assistente di Trapattoni. Tardelli si è separato dalla Nazionale di Repubblica d’Irlanda l’11 settembre 2013 di comune accordo, dopo una sconfitta subita dall’Austria il giorno precedente.