Giocatori

Mauro Camoranesi

Mauro Germán Camoranesi è nato il 4 ottobre 1976) è un allenatore e ex giocatore di calcio italiano che ha giocato come esterno. Camoranesi ha iniziato la sua carriera in Argentina nel 1995, dove ha giocato per Aldosivi e Banfield, avendo anche incantesimi in Messico con Santos Laguna e Cruz Azul, e in Uruguay con Wanderers. Nel 2000, si trasferisce in Italia, unendosi al Verona, dove le sue prestazioni gli valgono un trasferimento per la difesa della Juventus in Serie A nel 2002. Camoranesi vince il campionato e la Supercoppa Italiana nella sua prima stagione con il club, raggiungendo anche la finale di Champions League. ; ha trascorso gran parte della sua carriera con la squadra torinese, vincendo anche una seconda Supercoppa Italiana nelle sue otto stagioni con i bianconeri.

Nel 2010, è entrato a far parte della squadra tedesca VfB Stuttgart per una stagione, prima di tornare in Argentina per giocare a Lanús, e successivamente al Racing Club, dove si è ritirato nel 2014. Dopo il suo ritiro, Camoranesi ha iniziato la sua carriera manageriale in quello stesso anno e da allora ha allenato Il club messicano Coras de Tepic e il lato argentino Tigre. Nato e cresciuto in Argentina, Camoranesi ha rappresentato l’Italia a livello internazionale, facendo il suo debutto nel 2003. Con l’Italia, ha preso parte a UEFA Euro 2004, UEFA Euro 2008 e FIFA Confederations Cup 2009; ha anche preso parte alla Coppa del Mondo FIFA 2010, ed è stato membro della squadra vincitrice italiana ai Mondiali del 2006.

LA CARRIERA

Camoranesi è sempre stato un grande fan del club argentino River Plate in crescita, ma da giovane ha giocato nella squadra del Club Atlético Aldosivi. Aldosivi si trova a Mar del Plata a soli 100 chilometri dal luogo di nascita di Tandil, Camoranesi. Tuttavia, si trasferì in Messico per iniziare la sua carriera da giocatore professionista a Santos Laguna durante la stagione 1995-96 e segnò un gol in 13 partite per la squadra; I fan di Santos Laguna lo hanno soprannominato “El Cholo”. Altri viaggi vennero per il giovane argentino l’anno seguente, quando passò brevemente al club uruguaiano Montevideo Wanderers, prima di tornare in patria per giocare a Banfield nel 1997, consolidandosi come un impressionante centrocampista destro, mentre giocava 38 partite con 16 gol. La stagione seguente, Camoranesi è tornato in Messico come membro del club Cruz Azul, dove ha giocato dal 1998 al 2000, superando 60 presenze e segnando 20 gol.

Ha attirato l’attenzione della squadra italiana di Serie A, segnando 21 gol in 79 partite con Cruz Azul, un risultato impressionante per un centrocampista. Si è trasferito in Italia nel 2000, firmando con Verona dove ha giocato per due anni, aiutando il club ad evitare la retrocessione nella sua prima stagione con 4 gol in 22 presenze.

Nel 2002, la Camoranesi è stata firmata dalla Juventus in un accordo di comproprietà; inizialmente Juventus ha concordato un prezzo di € 1 in cash plus player deal (che Max Vieri è stato venduto per € 517.000 (o 1 miliardo di lire) più € 2.324 milioni in contanti (o 4,5 miliardi di lire). Il 26 giugno 2003, è stato firmato a titolo definitivo dai Bianconeri su base permanente con un compenso aggiuntivo di 5 milioni di euro; questo è stato lo stesso giorno in cui la Juventus ha firmato Marco Di Vaio in un affare simile.

Camoranesi si è presto imposto nella formazione di partenza sulla fascia destra, in seguito a un infortunio a Gianluca Zambrotta, e nella sua prima stagione con la squadra, ha vinto il campionato Serie A 2002-03 e la Supercoppa Italiana 2002, raggiungendo anche il Finale della UEFA Champions League 2003; nella stagione successiva, ha anche aggiunto la Supercoppa Italiana del 2003 al suo trofeo. Camoranesi ha anche vinto altri due titoli in Serie A con la Juventus nelle stagioni 2004-05 e 2005-06, ma la Juventus è stata privata di entrambi i titoli in seguito al coinvolgimento nello scandalo del calcio italiano del 2006 e retrocessa in Serie B.

Nonostante il suo agente Sergio Fortunato leghi il giocatore a club come Lione, Valencia e Liverpool nell’estate del 2006, dopo la retrocessione della Juventus, Camoranesi ha fatto un annuncio a settembre, promettendo fedeltà alla Juventus “A gennaio, non chiederò di essere venduto, sono felice di rimanere qui. “, ha dichiarato.

Camoranesi ha messo in atto alcune prestazioni degne di nota e ha contribuito a una serie di goal importanti per la Juventus nella stagione Serie B 2006-07, segnando 4 punti in totale, visto che la Juventus ha vinto il titolo e guadagnato la promozione nella massima serie italiana. Contro il Lecce nell’aprile 2007, ha eseguito un impressionante skill simile a una svolta di Cruyff, trasformando la palla tra le gambe di un difensore sulla fascia, prima di recuperarla per aiutare a mettere in campo il primo gol della Juventus. Più tardi nel match, ha segnato il terzo lato della sua squadra; Camoranesi passa in vantaggio con tre difensori del Lecce, prima di colpire la palla dal limite dell’area, con il piede sinistro nell’angolo in alto. Pochi giorni prima aveva segnato un colpo di testa nella vittoria per 2-0 contro i contendenti al Napoli.

Nonostante le prime indiscrezioni sulla sua partenza, il 10 luglio 2007, ha prolungato il contratto con il club fino al 2010. Per la stagione Serie A 2007-08, il suo numero di maglia è stato cambiato da 16 a 8. Nonostante abbia subito diversi infortuni durante il 2007-08 stagione, è stato un giocatore molto importante e influente nella prima stagione della Serie A della Juventus dal suo ritorno alla stagione dei migliori voli. Ha segnato 5 reti in 22 presenze e ha vinto anche il premio Guerin d’Oro, come il giocatore con il punteggio medio più alto, per le sue prestazioni per tutta la stagione. Camoranesi ha ripreso la maglia numero 16 in vista della stagione di Serie A 2008-09 e ha prolungato il contratto per un altro anno. Camoranesi ha avuto un pre-campionato impressionante, ma è stato spesso messo da parte dagli infortuni all’inizio della stagione. Dopo aver lottato nelle prime partite all’inizio della stagione Serie A 2009-10, Camoranesi è tornato forte e si è dimostrato uno dei giocatori più importanti della Juventus. È riuscito a ottenere il suo nome anche nel punteggio, segnando il gol solitario contro il Maccabi Haifa in Champions League, così come una doppietta in una vittoria per 5-2 sull’Atalanta.

Il 31 agosto 2010, Camoranesi ha firmato un contratto di un anno con Stoccarda come agente libero. Il suo contratto con la Juventus è stato risolto reciprocamente lo stesso giorno . Il 26 gennaio 2011, il suo contratto con Stoccarda si è risolto a vicenda, con Camoranesi che ammette di “non essere nel club sportivo, anche se gli piaceva la squadra, la gente e la città”. Ha espresso il desiderio di continuare la sua carriera in Argentina. Il 2 febbraio 2011, Camoranesi ha firmato un contratto di due anni con Lanús con l’opzione di allenare i giocatori giovani se decide di andare in pensione. Nell’ottobre 2011, Camoranesi ha fatto notizia per aver calciato un avversario in testa. In una partita contro il Racing Club, Camoranesi ha fatto fallo a Patricio Toranzo e gli è stato mostrato un cartellino rosso dall’arbitro. Invece di andarsene, Camoranesi corse indietro e diede un calcio a Toranzo in testa mentre Toranzo era ancora a terra. Toranzo in seguito ha commentato che Camoranesi è “non molto uomo, solo un vigliacco” e ha suggerito che Camoranesi avrebbe bisogno di vedere uno psichiatra per il suo comportamento violento. Camoranesi ha dovuto affrontare un lungo divieto del calcio per questo incidente.

Il 20 luglio 2012, Camoranesi ha firmato per il Racing Club Argentine da Avellaneda. Il 13 giugno 2013, ha annunciato che si ritirerà dal calcio alla fine della stagione a giugno, anche se circolano voci che potrebbe essere vicino a unirsi a Leicester per collegarsi con il centrocampista argentino Esteban Cambiasso. Il 16 marzo 2014, Mauro è stato sottotitolato al 68 ‘per il compagno di squadra Rodrigo De Paul, la sua squadra ha perso per 0-2 in Newell’s Old Boys, un club che ha visto l’ex Juventus F.C. il compagno di squadra David Trezeguet segna il secondo gol del gioco all’83 ° minuto. Questo è risultato essere l’ultima partita di Camoranesi nella sua carriera.

Camoranesi ottenne la cittadinanza italiana attraverso un bisnonno, Luigi, che nel 1873 emigrò da Potenza Picena, nelle Marche, in Argentina. La sua doppia cittadinanza lo ha reso idoneo a giocare sia in Argentina che in Italia, ma gli Azzurri hanno mostrato interesse per lui e, il 12 febbraio 2003, ha esordito in nazionale in una partita amichevole contro il Portogallo, che l’Italia ha vinto 1-0, sotto l’ex allenatore Giovanni Trapattoni. Camoranesi ha giocato per l’Italia a UEFA Euro 2004 ed è stato anche parte della squadra italiana di Marcello Lippi che ha vinto la Coppa del Mondo FIFA 2006. È stato capocannato 55 volte dall’Italia e ha segnato quattro gol, il primo dei quali è arrivato in qualificazione alla Coppa del Mondo 2006 in trasferta in Bielorussia il 7 settembre 2005, che gli italiani hanno vinto per 4-1.

Durante le Finali di Coppa del Mondo 2006 in Germania, ha ammesso il motivo per non aver cantato l’inno nazionale italiano prima delle partite perché non conosceva le parole, anche se si vedeva cantare (almeno una parte) l’inno durante le celebrazioni della Coppa del Mondo nel Circo Massimo il 10 luglio 2006. Camoranesi non è stato il primo giocatore juventino nato in Argentina a giocare per l’Italia; Omar Sivori ha giocato per gli azzurri, oltre a Luis Monti e Raimundo Orsi che ha vinto anche la Coppa del mondo giocando per la Juventus.

Camoranesi era un centrocampista dinamico, laborioso e abile, che di solito schierava sulla fascia destra, o occasionalmente come centrocampista centrale o attaccante dietro gli attaccanti. Era un giocatore veloce, energico e tecnicamente dotato, con un eccellente controllo della palla , che eccelleva nel dribbling e nel battere i giocatori in uno contro uno. Era anche dotato di una buona visione, di un’abilità incrociata e passante con il piede destro, che gli permetteva di creare occasioni per i suoi compagni di squadra. Oltre a queste caratteristiche, aveva anche un tiro preciso e potente, ed era noto sia per il suo contributo offensivo che difensivo. Un tenace ala, nel corso della sua carriera, è stato tuttavia criticato per la sua aggressività e mancanza di disciplina, a volte, che lo ha portato a raccogliere prenotazioni non necessarie.