Giocatori

Michel Platini

Michel Platini

Michel François Platini è un amministratore di calcio e un ex calciatore e manager francese. Il tre volte vincitore del Ballon d’Or Awards è considerato uno dei migliori calciatori di tutti i tempi.
Questo giocatore francese ha portato il suo paese a due semifinali di Coppa del Mondo. È stato il miglior marcatore e miglior giocatore del campionato europeo del 1984, vinto dalla nazionale francese.

Un maestro del calcio di punizione, a Platini è stato dato il soprannome di “Le Roi” o “The King” a causa delle sue straordinarie doti di leadership. Lui, Alain Giresse, Luis Fernández e Jean Tigana costituivano il “Magic Square”, un gruppo di giocatori di centrocampo che era il nocciolo della squadra nazionale francese.
Anche se è stato principalmente un centrocampista del centrocampo, è noto per alcuni gol segnati.

Ha vinto il premio Capocannoniere di Serie A per tre volte di seguito e si è ritirato come miglior marcatore nelle competizioni internazionali. Platini è stato anche l’allenatore della squadra nazionale francese per quattro anni e uno degli organizzatori della Coppa del mondo del 1998 disputata in Francia.

Oltre ad essere il presidente della commissione tecnica e di sviluppo della FIFA e vice-presidente della federcalcio francese, è stato presidente dell’Unione delle federazioni calcistiche europee (UEFA) fino al 2015. In riconoscimento del suo talento, è stato incluso nel Football Hall of Fame inglese e italiano. È stato bandito per 8 anni in seguito a un’indagine etica da parte del comitato etico della FIFA il 21 dicembre 2015.

INFANZIA

Michel Platini è nato il 21 giugno 1955 a Jœuf, in Lorena, nel nord est della Francia.
È figlio di Ado Platini, ex calciatore e direttore di AS Nancy e Anna (nata Piccinelli).
Ha iniziato a suonare molto giovane e prima ha attirato l’attenzione in un torneo di Coupe Gambardella in cui Jœuf stava giocando contro Metz. Allora aveva solo 16 anni.

Non riuscì a raggiungere il processo con Metz e nel 1972 si unì al club del padre, Nancy, come riserva.

CARRIERA

Nel 1973, Platini fece il suo debutto in prima divisione in Francia contro Nimes.
Presto si affermò come un giocatore importante di Nancy e usando il suo impressionante stile di punizione, condusse il club al campionato Ligue 2 del 1975.
Nel 1976, aiutò la Francia a raggiungere i quarti di finale alle Olimpiadi di Montreal. Ha firmato il suo primo contratto professionale con un club solo quest’anno.

La finale della Coppa di Francia del 1978 lo ha visto capitanare Nancy per trionfare contro il Nizza, ma è stato accusato per la scarsa prestazione della squadra francese nella Coppa del Mondo del 1978.
Nel 1979 entra a far parte dell’AS Saint-Étienne e nel 1981 vince la Lega francese con “Les Verts”.
Nel 1981 e 1982, ha guidato la squadra nelle finali della Coppa di Francia, ma ha perso entrambe le volte.

La sua carriera è arrivata con il passaggio alla Juventus FC italiana nel 1982. La squadra ha vinto la Coppa Italia e la Juventus ha vinto la Serie A del 1984 e Platini ha dato una delle migliori prestazioni della sua carriera nei Campionati Europei del 1984, dove ha battuto due triplette perfette.

Platini e Maradona
Platini e Maradona


Un altro momento importante della carriera di Platini è stato il momento in cui ha segnato l’unico gol nella finale della Coppa dei Campioni del 1985 contro il Liverpool allo stadio Heysel. Ma l’evento è stato oscurato dal disastro dello stadio Heysel in cui 39 persone sono morte e altre 600 sono rimaste ferite.
Platini non era fisicamente in forma per la Coppa del Mondo del 1986 in Messico. Tuttavia, ha gettato in due obiettivi importanti.


Ha giocato per la Francia in un campionato europeo il 29 aprile 1987, per l’ultima volta. Questo era un paio di settimane prima che annunciasse il suo ritiro.
È uscito dalla pensione solo una volta, il 27 novembre 1988, per giocare per il Kuwait contro l’Unione Sovietica.
Il 1 novembre 1988 Platini fu nominato allenatore della squadra nazionale francese. Ha servito la squadra francese per un periodo di 3 anni.
È stato anche il capo del comitato organizzatore per la Coppa del Mondo FIFA del 1998, disputata in Francia.

Nel 2006, Michel Platini è diventato presidente della commissione tecnica e di sviluppo della FIFA, oltre ad essere vicepresidente della federcalcio francese.

Nel 2007 è stato eletto presidente dell’Unione delle federazioni calcistiche europee (UEFA). È stato nuovamente rieletto nel marzo 2011 per un mandato di quattro anni.
Il 21 dicembre 2015, i procuratori svizzeri hanno accusato il presidente della FIFA Sepp Blatter di aver effettuato un “pagamento sleale” di $ 2 milioni a Platini. Essendo riconosciuto colpevole di violazioni etiche, è stato bandito da ogni tipo di attività sportiva per otto anni.
A luglio 2015 Platini aveva annunciato che avrebbe corso per la campagna presidenziale FIFA 2015.

Ha ricevuto tre Palloni d’oro consecutivi nel 1982, 1984 e 1985.
È stato anche il destinatario dei premi Onze d’Or negli stessi tre anni.
Ha vinto una tripletta di premi European Footballer of the Year (dal 1983 al 1985).
Platini è stato eletto Player of the Year dalla rivista World Soccer nel 1984 e nel 1985.

È apparso in campo 72 volte come rappresentante della nazionale francese e 49 volte come capitano. Ha segnato 41 volte, che è stato un record nell’eredità della squadra francese fino a quando Thierry Henry ha rotto questo.
Platini è stato nominato Manager of the Year dai World Soccer Awards e nel 1991 ha ricevuto il premio El País European Coach of the year.

VITA PRIVATA

Ha sposato Christelle Platini nel 1977 e la coppia ha due figli. La famiglia soggiorna in una lussuosa villa, nel porto francese di Cassis, vicino a Marsiglia.

Platini era famoso per essere un burlone. Avrebbe lanciato petardi in luoghi pubblici e spesso avrebbe fatto scherzi ai suoi compagni di squadra spremendo tubi di dentifricio sui loro letti.