Giocatori

Omar Sivori

Enrique Omar Sívori è nato il ottobre 1935 ed è morto il 17 febbraio 2005. Sivori è stato un calciatore e manager italiano argentino che ha giocato come attaccante. A livello di club, è noto per il suo periodo di successo con la squadra italiana della Juventus alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60, dove ha vinto tre titoli di Serie A tra altri trofei; ha anche suonato per River Plate in Argentina e Napoli in Italia.

A livello internazionale, è apparso per la prima volta nella nazionale argentina, vincendo il campionato sudamericano nel 1957. Più tardi nella sua carriera, ha giocato per la squadra nazionale italiana e ha preso parte ad alcuni dei Mondiali del 1962. Dopo il suo ritiro da giocatore, ha allenato diverse squadre in Argentina, compresa la nazionale. Considerato uno dei più grandi giocatori della sua generazione e uno dei più grandi giocatori di calcio di tutti i tempi, Sívori era noto per la sua straordinaria abilità, velocità, capacità, tecnica, creatività e il suo talento calcistico è stato ampiamente acclamato. Nel 1961 vinse il premio per miglior giocatore del Sud America nel 1957 e l’ambito premio per il calciatore europeo dell’anno.

LA CARRIERA

Sívori è nato a San Nicolás de los Arroyos, una città che rientra nella provincia di Buenos Aires, in una famiglia argentina italiana. Il nonno paterno, Giulio Sivori, era un immigrato di Cavi di Lavagna, una frazione della provincia di Genova, mentre sua madre Carolina era di origine abruzzese. Da giovane Sívori si appassionò molto al gioco del calcio e quando raggiunse l’adolescenza fu ingaggiato da una parte della città di Buenos Aires, River Plate. L’adolescente Sívori ha avuto la possibilità di entrare in una squadra che comprendeva giocatori come i famosi attaccanti Ángel Labruna e Félix Loustau che si sono stabiliti nell’era di La Máquina, una delle formazioni più importanti nella storia del calcio. Presto si guadagnò il soprannome di El Cabezón (bighead) dai fan, a causa dei suoi capelli, schiettezza, sicurezza, arroganza e stile di gioco.

River fu in grado di vincere l’Argentina Primera División nel 1955, il titolo fu confermato quando River battè l’arcivescovo locale Boca Juniors per 2-1 a La Bombonera, a Buenos Aires, con una sola partita rimanente. La stessa stagione River ha vinto il Copa Río de La Plata battendo Nacional dall’Uruguay. La stagione successiva ha avuto un successo simile quando River ha vinto il titolo di campionato argentino nell’ultimo giorno della stagione; battendo Rosario Central 4-0, con Sívori che segna il gol finale. Sívori giocherà la sua ultima partita con River contro la stessa squadra il 5 maggio 1957.

Durante la stagione 1957-58, il 21enne Sívori è stato ingaggiato dal club italiano Juventus dopo essere stato notato da Renato Cesarini. La Juventus ha pagato 10 milioni di pesos (l’equivalente di 91.000 sterline) per il trasferimento, che è stata una tassa di trasferimento record mondiale per l’epoca. La mossa di Sívori si sarebbe rivelata negativa per le fortune di River, nei 18 anni successivi al 1957 non riuscirono a vincere il campionato in Argentina. Tuttavia, furono in grado di completare il loro stadio El Monumental (precedentemente soprannominato il ferro di cavallo) aggiungendo un quarto supporto con il suo nome, con i soldi dell’affare.

Nella stessa stagione altri due importanti argentini si trasferirono nel campionato italiano: Antonio Valentín Angelillo (Inter) e Humberto Maschio (Bologna). I tre sono stati soprannominati The Angels with Dirty Faces dai media (un riferimento ironico agli allora celebri film Angels with Dirty Faces) a causa del loro colore tipicamente sudamericano e del loro stile, e anche The Trio of Death per il loro gioco cinico e spietato.

Prima dell’arrivo di Sívori e Welshman John Charles, la Juventus stava attraversando un momento di crisi. Tuttavia, il duo insieme all’esperto Juventino Giampiero Boniperti ha messo insieme una forza formidabile e ha vinto la Serie A nella stagione 1957-58. La loro buona forma continuò e Sívori vinse altri due scudetti (1959-60 e 1960-61) e due titoli di Coppa Italia (1958-59 e 1959-60) e la Coppa delle Alpi (1963). Il duro lavoro di Omar Sívori ha dato i suoi frutti ed è stato nominato calciatore europeo dell’anno (noto anche come Pallone d’oro) nel 1961.

Lo stesso anno del suo successo personale, “il Magical Trio”, come erano conosciuti, aveva rotto con la pensione di Boniperti e la stagione successiva John Charles tornò a Leeds United. Sívori è rimasto con la Vecchia Signora, segnando segnatamente l’unico gol in una vittoria per 1-0 contro il Real Madrid, facendo della Juventus la prima squadra italiana a vincere allo stadio Santiago Bernabéu. Sívori indossava la maglia numero 10 e fu nominato capitano della squadra nel 1963, ma non vinse più campionati o trofei con la Juventus, e se ne andò dopo la stagione 1964-65, a causa di un disaccordo con il nuovo allenatore Heriberto Herrera.

Sívori posa in colori bianconeri all’interno dello Stadio Comunale di Torino.
Con la Juventus, Sívori ha segnato 167 gol in 253 presenze in tutte le competizioni, diventando il quinto miglior marcatore del club di sempre del 2011. Detiene anche il record per la maggior parte dei gol in Serie A in una singola partita; durante la vittoria per 5-1 contro l’Inter il 10 giugno 1961 segnò quattro gol; questo disco è condiviso insieme a Silvio Piola della Pro Vercelli.

Nel 1965 ha firmato con il Napoli, aiutandoli al terzo posto nella prima stagione al club, hanno anche vinto la Coppa delle Alpi. [Dopo due stagioni di successo al club, durante la stagione 1967-68, la squadra di Napoli vantava diversi talenti insieme a Sívori, come il portiere Dino Zoff e il compagno d’attacco José Altafini, ed erano considerati uno dei favoriti per vincere il campionato; il club ha portato l’A.C. Milan fino in fondo alla battaglia per il campionato di serie A, ma alla fine ha concluso al secondo posto, mentre Sívori è stato escluso per gran parte della stagione a causa di un infortunio al ginocchio e diversi scontri con il manager Bruno Pesaola. Ironia della sorte, l’ultima partita di Sívori per il Napoli è stata contro la sua ex squadra della Juventus, in cui gli è stato dato un cartellino rosso per aver calciato Erminio Favalli, e come risultato, è stato sospeso per sei partite. In seguito al suo divieto, Sívori decise di tornare in Argentina durante la stagione 1968-69.

LA CARRIERA IN NAZIONALE

A livello internazionale, Sívori ha rappresentato la squadra nazionale di calcio argentina per diciotto volte e ha segnato nove gol. Il lato argentino del tempo ha avuto un formidabile attacco con Sívori, Omar Oreste Corbatta, Osvaldo Cruz, Humberto Maschio e Antonio Angelillo. Il terzetto d’attacco di Sívori, Maschio e Angelillo erano soprannominati “caras sucias”, che letteralmente significa “facce sporche” in spagnolo; in riferimento al film con lo stesso nome, ea causa del modo in cui hanno giocato il gioco, come bambini divertenti, sporchi e maliziosi.

Sívori ha aiutato la nazionale argentina a vincere il campionato sudamericano del 1957 a Lima, in Perù. L’Argentina ha dominato in ogni partita durante il campionato sudamericano di quell’anno; le vittorie della squadra durante la competizione hanno incluso una vittoria per 8-2 contro la nazionale colombiana e una vittoria per 3-0 contro gli avversari vicini. Dopo il trasferimento di Sívori in Italia nel 1957, insieme ai suoi connazionali Maschio e Angelillo, l’associazione calcistica argentina ha vietato al trio attaccante di giocare per la nazionale argentina, il che significa che non sono stati in grado di prendere parte alla Coppa del Mondo del 1958.

Grazie alla sua discendenza italiana, tuttavia, Sívori fu in grado di diventare un cittadino italiano, e nell’aprile del 1961 fece il suo debutto con la nazionale italiana di calcio . Insieme a molti altri giocatori italiani di origine straniera, Sívori ha rappresentato l’Italia alla Coppa del Mondo FIFA del 1962 in Cile, dove è stata eliminata per il primo turno. In totale ha guadagnato nove presenze e ha segnato otto reti mentre giocava per l’Italia.

LA CARRIERA MANAGERIALE

Sívori si ritirò dal campo di gioco nel 1969. Sebbene si ritirò nella sua nativa Argentina da uomo ricco, il suo amore per il gioco significò che decise di intraprendere un’ulteriore carriera come allenatore; ha allenato River Plate, Rosario Central, Estudiantes de La Plata, Racing Club e Vélez Sarsfield. Nel 1970, Bobby Moore fu arrestato a Bogotà, in Colombia, dopo che un commesso sostenne di averlo visto rubare un braccialetto dal negozio in cui stava lavorando. Dopo diversi giorni, le accuse furono annullate, e mentre Moore prendeva un volo per il Messico, egli incontrai Sivori, che gli disse che la falsa accusa era frequente in Colombia.

Dal 1972 al 1974, Sívori ha preso il comando della nazionale argentina, ha aiutato la squadra a qualificarsi per la Coppa del Mondo FIFA del 1974. Sívori fu il primo uomo a chiamare Ubaldo Fillol per la parte nazionale, Fillol sarebbe diventato uno dei custodi più apprezzati della storia argentina. Successivamente è diventato uno scout a tempo pieno per la Juventus in Sud America.