Giocatori

Paolo Montero

Rónald Paolo Montero Iglesias (nato il 3 settembre 1971) è un allenatore di calcio uruguaiano ed ex giocatore, che ha giocato come difensore centrale o terzino sinistro. Attualmente è il capo allenatore di Rosario Central.

Montero ha iniziato la sua carriera in Uruguay con Peñarol nel 1990, prima di trasferirsi nella squadra italiana Atalanta nel 1992. Si è unito alla Juventus nel 1996, dove è rimasto fino al 2005, vincendo quattro titoli di Serie A, tra gli altri trofei; successivamente si è trasferito al club argentino San Lorenzo. Nel 2006, è tornato a Peñarol, dove si è ritirato nel 2007. A livello internazionale, ha rappresentato la squadra nazionale di calcio dell’Uruguay alla Coppa delle confederazioni FIFA 1997, alla Coppa del Mondo FIFA del 2002 e alla Copa América del 2004.

LA CARRIERA

Montero è nato a Montevideo, in Uruguay, in una famiglia di calciatori; suo padre è l’ex nazionale uruguaiano Julio Montero Castillo. Da bambino, Paolo doveva mantenere buoni voti a scuola, altrimenti suo padre non gli permetteva di frequentare la pratica del calcio. Come professionista, Montero ha iniziato la sua carriera per C.A. Peñarol nel 1990 e rimasto con il club per 2 stagioni, facendo 34 presenze e segnando un gol, prima di trasferirsi ad Atalanta B.C. nella serie A italiana nel 1992.

Dopo il trasferimento al club con sede a Bergamo, Montero è diventato un membro fisso nelle undici iniziali del club ed è stato un membro chiave della difesa. Ha gestito 27 presenze in campionato e due gol nella sua stagione d’esordio in Serie A. Nella sua seconda stagione con il club, ha gestito 30 partenze, tuttavia la stagione del club è finita in retrocessione in serie B. Nella seconda divisione, Montero è apparso in 34 partite, segnando due gol, aiutando la sua squadra a tornare subito in Serie A. Durante la stagione di Serie A 1995-1996, Montero ha lottato con infortuni, facendo solo 23 presenze. Dopo aver impressionato molto durante il suo soggiorno di quattro anni a Bergamo, Montero ha fatto il cambio attesissimo alla centrale elettrica italiana ed europea, Juventus F.C.

Dopo il grande passaggio a Torino nel 1996, Montero ha collezionato oltre 30 presenze nella sua prima stagione con la Juventus in tutte le competizioni. Fu qui, anche dopo un’impressionante prima stagione, che ottenne un grande successo, vincendo quattro scudetti con il club, insieme ad altri riconoscimenti, Montero vinse anche tre Supercoppe italiane, e raggiunse tre finali di Champions League e due finali di Coppa Italia con il club durante questo periodo. Si credeva che Montero fosse il miglior amico di Zinedine Zidane durante il periodo di coppia insieme alla Juventus, che si concluse quando Zidane fu venduto al Real Madrid nel 2001. La Juventus era estremamente dominante sia a livello nazionale che internazionale durante questo periodo, e aveva quella che era considerata la migliore difesa del mondo in quel momento, e le squadre si pentirono di aver mai segnato un gol al club, sapendo quanto sarebbe stato difficile per segnare uno indietro per se stessi.

In questo periodo Montero ha giocato sia al centro che a sinistra, formando importanti collaborazioni difensive con Ciro Ferrara, Mark Iuliano, Gianluca Pessotto, Lilian Thuram, Alessandro Birindelli, Igor Tudor, Gianluca Zambrotta, Nicola Legrottaglie e Fabio Cannavaro durante i suoi mandato di dieci anni con il club. Dopo il trionfo della Serie A 2004-05, Montero e il compagno di squadra Ferrara hanno interrotto le loro carriere bianconere. L’uruguaiano decise di tornare in Sud America, mentre Ferrara andò in pensione. Montero ha collezionato più di 200 presenze con i bianconeri, segnando un gol in campionato. Nella finale della UEFA Champions League del 2003, Montero è stato uno dei tre giocatori della Juventus ad aver salvato il rigore dal portiere dell’FC Milan Dida nella sconfitta contro i rigori. Con le sue tre sconfitte finali in Champions League, Montero è il giocatore con la maggior parte delle presenze in Champions League a non vincere la medaglia della Champions League, al fianco degli ex compagni della Juventus Alessio Tacchinardi e Gianluigi Buffon.

Dopo la sua permanenza in Juventus, Montero si trasferisce nel club argentino San Lorenzo. Il suo tempo al club è stato tuttavia di breve durata, poiché ha costantemente perso le partite a causa di infortuni. Ha lasciato il club dopo appena 14 presenze e ha segnato un gol contro il Racing Club de Avellaneda. Nel 2006, le offerte arrivarono da club come Olympiakos e il nuovo club di Serie A Catania, tuttavia, Montero scelse di tornare nel suo club per bambini, dove iniziò la sua carriera, C.A. Peñarol. Per la stagione 2006-07, Montero si è ricongiunto all’ex club Peñarol, per un’ultima stagione prima di annunciare ufficialmente il suo ritiro. Ha segnato un gol in 26 partite durante la sua ultima stagione da calciatore professionista.

Membro importante della nazionale uruguaiana, Montero ha rappresentato per la prima volta la sua squadra in un torneo internazionale alla FIFA Confederations Cup del 1997, finendo al quarto posto. In precedenza aveva giocato per l’Uruguay Under 20 nel Campionato del Mondo Under 20 del 1991. È anche apparso per la squadra senior nella Coppa del mondo del 2002, dopo aver aiutato la sua squadra a qualificarsi per il torneo, dove la talentuosa squadra uruguaiana è stata deludentemente eliminata nella fase a gironi. Nella Copa América del 2004, Montero e Uruguay hanno raggiunto le semifinali, concludendo il torneo al terzo posto. Montero ha anche capitanato il suo paese nel tentativo di qualificarsi per la Coppa del Mondo FIFA 2006 in uno spareggio intercontinentale contro l’Australia, paese che gli uruguaiani hanno sconfitto con un convincente margine di 3-0 per qualificarsi per il torneo Coppa del Mondo FIFA 2002 quattro anni prima. Purtroppo per Montero, ha giocato un infortunio al bicipite femorale durante la seconda partita a Sydney, e in seguito l’Australia ha continuato a strappare la vittoria e la qualificazione alla Coppa del mondo ai calci di rigore. Dopo la sconfitta, Montero ha immediatamente annunciato il suo ritiro internazionale, dicendo “quello che è successo oggi è stato un peccato perché questo gruppo di giocatori meritava di essere alla fase finale della Coppa del Mondo.” Montero fece oltre 60 presenze per il suo paese tra il 1991 e 2006, segnando 5 gol.

Considerato uno dei migliori difensori del suo tempo e uno dei più grandi difensori della Juventus, Montero è stato descritto come “abile nella palla e calmo sotto pressione”, e un “calciatore meravigliosamente talentuoso e intelligente”. La sua reputazione internazionale è quella di un uomo “spaventoso, irremovibile ed essenziale, in una linea di fondo che ha conquistato l’Italia e l’Europa”. Un difensore versatile, era in grado di giocare al centro (sia come un tappo o come uno spazzino) o sulla sinistra (anche se questa non era la sua posizione preferita), ed era noto per la sua forza, coerenza, leadership e capacità organizzative. Montero si è distinto anche durante la sua carriera per la sua abilità aerea, i tempi, le capacità tecniche e la distribuzione.

Secondo quanto riferito, Paolo Montero si è ritirato a fine maggio 2007 dopo aver partecipato ad una sessione di allenamento di gruppo per salutare i suoi compagni di squadra. La sua squadra attuale aveva cercato di convincerlo a tornare al calcio, con il compagno di squadra Rubén Capria che diceva che “è un duro colpo perdere il nostro capitano”. Ha giocato la sua ultima partita in quella che è stata anche la partita d’addio di Marcelo Salas, ex compagno di squadra della Juventus di Montero.