Giocatori

Paolo Rossi

Paolo Rossi,nato il 23 settembre 1956, è un ex calciatore professionista italiano, che ha giocato come attaccante. Nel 1982, ha guidato l’Italia al titolo della Coppa del Mondo FIFA del 1982, segnando sei gol per vincere il Golden Boot come miglior marcatore e il Golden Ball per il giocatore del torneo. Rossi è uno dei soli tre giocatori ad aver vinto tutti e tre i premi in una Coppa del Mondo, insieme a Garrincha nel 1962 e Mario Kempes nel 1978. Rossi è stato anche insignito del Ballon d’Or 1982 come calciatore europeo dell’anno per le sue esibizioni . Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri, è il capocannoniere italiano nella storia della Coppa del Mondo, con nove gol in totale.

A livello di club, Rossi è stato anche un goleador prolifico per Vicenza. Nel 1976 è stato ingaggiato dalla Juventus di Vicenza in un contratto di comproprietà per una quota di trasferimento del record mondiale. Vicenza mantenne i suoi servizi, e fu il miglior marcatore in Serie B nel 1977, portando la sua squadra alla promozione in Serie A. La stagione seguente, Rossi segnò 24 gol, diventando il primo giocatore a raggiungere il punteggio più alto in Serie B e Serie A in stagioni consecutive. Nel 1981 Rossi ha esordito con la Juventus e ha vinto due titoli in serie A, la Coppa Italia, la Coppa delle Coppe UEFA, la Supercoppa UEFA e la Coppa Europa.

Ampiamente considerato uno dei più grandi calciatori italiani di tutti i tempi, Rossi è stato nominato nel 2004 da Pelé come uno dei migliori 125 calciatori viventi nella lista dei 100 anni del FIFA. Nello stesso anno, Rossi ha piazzato 12 nel sondaggio UEFA Golden Jubilee. Da quando è andato in pensione, Rossi è passato al giornalismo sportivo e al merito. Attualmente lavora come esperto per Mediaset Premium.

LA CARRIERA

Rossi è nato a Prato, in Toscana, in Italia, nella zona di Santa Lucia. Sebbene sia stato membro della squadra durante la stagione 1972-73, Rossi ha esordito nel calcio italiano professionistico con la Juventus nel 1973, facendo la sua apparizione in Coppa Italia e vincendo una medaglia d’oro nella Coppa Intercontinentale del 1973. Era spesso infortunato durante le sue prime stagioni, facendo solo tre apparizioni in Coppa Italia con la Juventus tra il 1972 e il 1975, senza segnare gol. Dopo tre operazioni in ginocchio, è stato poi inviato per fare esperienza con Como, dove ha fatto il suo debutto in Serie A durante la stagione 1975-76, inizialmente giocando come ala destra, dove la sua piccola costituzione non sarebbe stata un ostacolo; ha fatto sei presenze in Serie A per il club, ma ancora non è riuscito a segnare.

La sua carriera ha raggiunto un punto di svolta quando Vicenza Calcio (poi Lanerossi Vicenza) lo ha ingaggiato in prestito. L’allenatore Fabbri ha deciso di spostarlo dall’ala e piazzarlo al centro dell’attacco (a causa di infortuni per l’allora centravanti) poco prima dell’inizio della stagione. Rossi ha subito dimostrato un’incredibile capacità di aprirsi in area e segnare, vincendo il Golden Boot di Serie B con 21 gol nel suo primo anno in questa posizione più avanzata. Nella stagione 1976-77, le qualità di Rossi come un attaccante implacabile portarono la sua squadra alla promozione in Serie A e guidò anche il Vicenza alla seconda fase a gironi della Coppa Italia in quella stagione. Nella stagione successiva, Rossi ha segnato 24 gol, diventando il primo giocatore a superare il punteggio in Serie B e Serie A in stagioni consecutive, portando anche il Vicenza ad un incredibile secondo posto in Serie A nella stagione 1977-78, solo dietro i comproprietari della Juventus. A causa delle sue prestazioni, è stato scelto dal manager della nazionale italiana Enzo Bearzot per la Coppa del Mondo FIFA del 1978. A Rossi è stato inoltre dato il debutto in Italia con Bearzot il 21 dicembre 1977, in una trasferta amichevole per 1-0 sul Belgio.

Fino a quel momento, Rossi era di proprietà congiunta di Vicenza e Juventus. Quando i due club furono chiamati a sistemare la proprietà, Lanerossi offrì la scioccante somma di 2.612 miliardi di lire per Rossi, che divenne il giocatore più costoso del mondo, e lo sportivo più costoso d’Italia in quella data. Dopo la Coppa del Mondo del 1978, durante la stagione 1978-79, Rossi ha esordito in Europa con il Vicenza in Coppa UEFA, tuttavia, nonostante abbia segnato 15 gol nel club in Serie A, la sua stagione è stata segnata da infortuni e Vicenza è stata retrocessa in La Serie B. Rossi fu successivamente ceduta in prestito a Perugia, per giocare in Serie A nella stagione successiva.


Mentre a Perugia, ha gestito 13 gol in Serie A durante la stagione 1979-80, aiutando anche il club agli ottavi di Coppa UEFA. Durante la stagione, tuttavia, fu coinvolto nel famigerato scandalo delle scommesse del 1980, noto in Italia come Totonero, e come risultato di ciò, Rossi fu squalificato per tre anni, anche se questo fu successivamente ridotto a un divieto di due anni. Di conseguenza, Rossi ha perso il campionato europeo del 1980 con l’Italia, dove la squadra ha chiuso ancora una volta al quarto posto, in casa. Nonostante il divieto, Rossi ha sempre affermato di essere innocente e ha dichiarato di essere stato vittima di un’ingiustizia.

I MONDIALI DELL’82

Nonostante il divieto, Rossi è stato riacquistato dalla Juventus nel 1981, ed è tornato alla formazione iniziale giusto in tempo per la fine della stagione 1981-82 per contribuire al titolo Serie A del club 1981-82 (segnando un gol in tre apparizioni) e di partecipare ai Mondiali FIFA del 1982 in Spagna. I giornalisti e i tifosi italiani inizialmente si sono lamentati del fatto che lui fosse in condizioni davvero scadenti, e questa opinione sembrava essere confermata dalla spaventosa prestazione italiana nelle tre partite del girone, in cui veniva presumibilmente descritto come un “fantasma che vagava senza meta sul campo”. Il manager dell’Italia Enzo Bearzot, tuttavia, ha confermato fermamente Rossi per il decisivo round robin nel secondo turno, in cui la sua squadra doveva affrontare l’Argentina, i campioni del mondo in carica e il Brasile, i favoriti per vincere il titolo con una squadra composta da giocatori di classe come Sócrates, Zico e Falcão. Dopo che l’Italia ha sconfitto l’Argentina per 2-1, in parte grazie al lavoro difensivo di Claudio Gentile e Gaetano Scirea che ha bloccato la giovane stella argentina Diego Maradona, Rossi ha segnato tre gol memorabili per sconfiggere il Brasile 3-2 per qualificarsi alle semifinali.

Nella semifinale contro la Polonia, i due gol di Rossi hanno vinto ancora una volta l’Italia, assegnando loro un posto nella finale dei Mondiali del 1982. Nella finale contro la Germania Ovest, Rossi ha segnato il primo dei tre gol italiani, da un assist indiretto di Gentile, aiutando l’Italia a vincere la partita 3-1, dando alla sua squadra il terzo titolo di Coppa del Mondo. Con sei gol in totale, ha vinto il premio maximo goleador del torneo, il Golden Boot, come capocannoniere del torneo, così come il Golden Ball Award per il miglior giocatore del torneo, ed è stato nominato come parte del team del torneo per la seconda volta consecutiva. I fan italiani hanno appeso striscioni proclamandolo “Man of the match”. I successi di Rossi in Spagna gli hanno conferito il titolo di calciatore europeo dell’anno e miglior giocatore dell’anno nel 1982, oltre al premio Onze d’Or del 1982 e al Pallone d’oro. Le sue prodezze da gol durante il torneo gli valsero i soprannomi “Pablito” e il “torero”.

LA FINE DELLA CARRIERA

Dopo la Coppa del Mondo del 1982, Rossi ha continuato a giocare con la Juventus. Durante la stagione 1982-83, la Juventus si classificò seconda in Serie A, anche se aiutò la squadra a vincere la Coppa Italia del 1983, segnando cinque gol. Ha anche aiutato la Juventus a raggiungere la finale della Coppa dei Campioni del 1983, perdendo solo ad Amburgo; ha finito il torneo come capocannoniere, con sei gol. Durante la stagione 1983-84, Rossi vinse il suo secondo titolo Scudetto con la squadra, segnando in particolare 13 reti, aiutando anche la squadra a vincere la Coppa delle Coppe UEFA 1983-84, seguita dalla Supercoppa UEFA del 1984. Durante la sua ultima stagione con il club, Rossi ha finalmente vinto la Coppa Europa nel 1985, concludendo il torneo con 5 gol, dietro solo il compagno di squadra Michel Platini e Torbjörn Nilsson, con 7 gol.

Dopo la parentesi con la Juventus, nel 1985 è passato ad una Milano in difficoltà per una stagione. [7] Durante il suo tempo con il Milan, è stato ricordato per la sua prestazione in due gol contro l’Internazionale in una partita di derby di Milano. Rossi è stato anche selezionato nella squadra italiana per la Coppa del Mondo FIFA del 1986 in Messico, ma non ha giocato nella competizione; un infortunio lo ha costretto a lottare durante i test di idoneità della squadra, a causa dell’alta quota della regione. Di conseguenza, è stato sostituito da Giuseppe Galderisi in attacco nella formazione iniziale della squadra. Ha fatto la sua ultima apparizione per l’Italia l’11 maggio 1986, in una vittoria casalinga per 2-0 sulla Cina a Napoli. Ha terminato la sua carriera da club all’Hellas Verona nella stagione 1986-87, aiutandoli ad un quarto posto in Serie A, prima di ritirarsi alla fine della stagione. Attualmente è impegnato nel settore immobiliare, insieme al suo ex compagno di squadra Giancarlo Salvi.

Rossi ha segnato un totale di 20 gol in 48 cap senior internazionali per l’Italia [18]. Indubbiamente, il suo obiettivo più importante è stato il vincitore contro il Brasile nella Coppa del Mondo del 1982, che ha completato una famosa tripletta e ha permesso agli Azzurri di avanzare in semifinale a scapito dei sudamericani. Rossi ha inoltre rappresentato l’Italia nell’edizione del 1991 della Coppa del Mondo di Masters, segnando al terzo posto la sfida contro l’Uruguay. Rossi è attualmente il miglior marcatore di tutti i tempi dell’Italia nella Coppa del Mondo FIFA, con nove reti in 14 presenze in due edizioni del torneo, al fianco di Roberto Baggio e Christian Vieri. Sei dei suoi gol in Coppa del Mondo sono arrivati ​​in sette apparizioni durante il passaggio italiano al trionfo nel 1982, e tre dei suoi gol sono arrivati ​​in sette presenze durante il torneo del 1978, quando l’Italia ha concluso al quarto posto.

Paolo Rossi è considerato da molti uno dei più grandi e prolifici interfanti italiani di tutti i tempi. Anche se mancava l’intimidatoria presenza fisica di un tipico attaccante, Rossi era un centravanti veloce, agile, prolifico ed elegante, con una buona tecnica, equilibrio, reazioni estremamente veloci, un tiro preciso e un occhio per obiettivo, che gli ha permesso di anticipare i difensori nella casella per la palla. Ha compensato la sua mancanza di forza, fisicità e potenza di tiro con il suo acuto senso dell’opportunismo, dell’intelligenza, del senso posizionale e delle acute abilità di rifinitura sia con i piedi che con la testa, che gli ha permesso di eccellere nell’aria e battere gli avversari più grandi per la palla, nonostante la sua statura relativamente bassa; tuttavia non era particolarmente abile nei calci piazzati. Anche se Rossi era principalmente noto come attaccante che operava principalmente in area di rigore, ha iniziato la sua carriera come ala destra, e nella sua successiva carriera con la Juventus, è stato schierato come attaccante, a causa delle caratteristiche offensive del club nuovi acquisti a centrocampo, in particolare Zbigniew Boniek e Michel Platini, dove il suo ruolo spesso coinvolge il possesso palla o trascina gli avversari fuori posizione per creare spazio per i suoi compagni di squadra ‘corre con il suo eccellente movimento d’attacco fuori dalla palla.