GiocatoriJuventus

Rapporto: Costa pubblica il futuro nella Juve

Douglas costa

Douglas Costa ha fatto una dichiarazione pubblica in merito al suo futuro alla Juventus.
Ci sono state speculazioni che collegano l’ala brasiliana con un allontanamento da Torino per qualche tempo.

Molte speculazioni hanno suggerito al giocatore di trasferirsi al Manchester United.

Dall’epoca dell’incantesimo sfortunato di Jose Mourinho all’Old Trafford, la ricerca di un’ala destra del tendone è stata all’ordine del giorno del trasferimento dello United.

Il 28enne ha una reputazione fenomenale e sarà sempre oggetto di chiacchiere sui trasferimenti quando le persone di destra sono in grado di discutere.

Dopo 202 partite, 38 gol e 40 assist per Shakhtar Donetsk, Costa ha fatto una mossa di 30 milioni di Euro al Bayern Monaco.

In un paio di stagioni al Bayern, ha gestito 77 partite, 14 gol e 27 assist. Questo tipo di forma gli è valso un prestito iniziale e poi un trasferimento di 40 milioni di Euro alla Juventus.

Nelle sue due stagioni con i bianconeri, ha giocato 74 partite, segnato 7 e aggiunto 18 assist. Questo ritorno è forse il motivo per cui sono stati sollevati punti interrogativi sul suo futuro all’Allianz Stadium.

Tuttavia, secondo Football-Italia, Costa ha altre idee.

Egli ha detto:
“Voglio restare qui per vincere trofei e dare sangue alla Juventus”.

Lui continuò:

“Sto scrivendo per negare le notizie infondate pubblicate oggi, secondo le quali stavo negoziando con alcuni club durante l’ultima finestra di trasferimento”.

“Dall’inizio di questa stagione, sono stato chiaro che volevo rimanere qui per vincere trofei e dare sangue per la maglia della Juve.”

Le voci sono iniziate dopo i commenti di Giovanni Branchini. L’uomo a cui è stato attribuito un ruolo cruciale nel suo passaggio dal Bayern alla Juventus.

Costa lo ha chiarito fino a.

Ha concluso:

“Junior Mendoza è il mio unico agente e l’unica persona autorizzata a parlare per mio conto.”

Anche se non si ritiene, il nuovo manager United abbia lo stesso livello di interesse del suo predecessore.

Non si può negare che il giocatore si adatti al conto in termini di bisogni allo United. Sebbene dai suoni di esso i Red Devils dovranno guardare altrove.