Giocatori

Roberto Bettega

Roberto Bettega è nato il 27 dicembre 1950 ed è un ex calciatore italiano che ha giocato come attaccante. Attore prolifico e atletico, Bettega è ricordato soprattutto per il suo periodo di successo nella sua città natale, la Juventus, dove ha vinto numerosi titoli e si è affermato come uno dei più grandi giocatori di sempre in Italia grazie alla sua forza, abilità, capacità di determinazione e creatività. Fu soprannominato La penna bianca (“Piuma bianca”) a causa del suo aspetto, e Bobby Gol! grazie al suo occhio per il goal.

A livello internazionale, ha rappresentato l’Italia alla Coppa del Mondo FIFA 1978 e ai Campionati Europei del 1980, aiutando la sua squadra a raggiungere il quarto posto in entrambe le occasioni; non è stato in grado di prendere parte ai Mondiali del 1982, che l’Italia ha vinto, a causa di un infortunio. Nel dicembre 2009, Bettega è stata nominata vice direttore generale della Juventus. Il suo ruolo era quello di fungere da intermediario tra i giocatori e lo staff tecnico e le alte sfere del club, oltre a prendere un coinvolgimento attivo in tutti i rapporti di trasferimento della Vecchia Signora. Bettega lasciò il ruolo poco dopo nel 2010 dopo la nomina di Luigi Del Neri.

LA CARRIERA

Nato a Torino, Bettega è entrato a far parte della Juventus Primavera nel 1961 come centrocampista. Bettega ha trascorso la campagna 1968-69 in panchina. All’età di 19 anni, Bettega fu ceduto in prestito al Varese F.C. in Serie B. Sotto Nils Liedholm, l’allenatore del Varese, Bettega ha segnato 13 gol per aiutare il lato a finire in cima e ottenere la promozione in Serie A. Tornato alla Juventus, Bettega ha fatto il suo debutto in Serie A a Catania il 27 settembre 1970. Ha segnato il gol della vittoria. Bettega ha chiuso la stagione con 13 gol in 28 partite. La stagione seguente, ha segnato 10 gol in sole 14 partite.

Ha segnato un gol contro la Fiorentina il 16 gennaio 1972, ma questo è stato l’ultimo per un po ‘perché è stato costretto ad uscire dal gioco con un’infezione ai polmoni e le fasi iniziali della tubercolosi, nonostante fosse ancora in grado di contribuire alla Juventus Serie Una vittoria per il titolo in quella stagione. Non è stato fuori a lungo, e tornò il 24 settembre dello stesso anno, portando la squadra al secondo titolo consecutivo in quella stagione.

Con l’arrivo di Giovanni Trapattoni nel 1976 come allenatore, Bettega si ritrovò ad essere il principale frontman dei bianconeri alla fine degli anni ’70; l’ex giocatore che prese questa posizione, Pietro Anastasi, si trasferì in Internazionale nell’estate di quell’anno, e Bettega collaborò con il suo sostituto, Roberto Boninsegna, guidando la squadra a un notevole successo nazionale ed europeo durante questo periodo, compreso il ritorno alla serie A titoli, una Coppa Italia e un trionfo della Coppa UEFA; La Juventus ha anche raggiunto la finale di Coppa dei Campioni durante la stagione 1972-73, così come la finale della Coppa Intercontinentale, e ha gestito una semifinale nella Coppa delle Coppe europee 1979-80.

Bettega ha vinto il titolo di Serie A con la Juventus ancora una volta durante la stagione 1980-81, ma non ha disputato la difesa vittoriosa della Juventus della sua campagna di Serie A durante la stagione 1981-82, subendo danni al legamento del ginocchio in caso di scontro con un avversario portiere durante una partita della Coppa dei Campioni del 1981 contro l’Anderlecht. Dopo aver finalmente riacquistato il pieno allenamento, è sceso in campo per la stagione 1982-83, che sarebbe stata la sua ultima stagione con il club, vincendo la sua seconda Coppa Italia. Si è ritirato dal giocare in Europa dopo che la Juventus ha perso la finale della Coppa dei Campioni del 1983 contro l’Amburgo ad Atene.

Complessivamente, Bettega ha collezionato 326 presenze in campionato per la Juventus, segnando 129 gol in campionato e godendo di una carriera di grande successo, vincendo sette titoli tra il 1972 e il 1982, la Coppa UEFA del 1977 (nella quale ha segnato in finale) e due titoli di Coppa Italia. Ha anche vinto il Capocannoniere (capocannoniere della Serie A) nella stagione 1979-80. Considerato uno dei migliori giocatori della Juventus, Bettega ha segnato 179 gol per la Juventus in tutte le competizioni, in 490 partite, tra cui 22 gol in 74 partite di Coppa Italia e 27 gol in 81 partite europee. Dopo essersi ritirato dal calcio europeo, Bettega ha giocato due estati nella NASL con la Toronto Blizzard, aiutando la squadra a due secondi posti nelle ultime due stagioni con il club.

CARRIERA INTERNAZIONALE

In totale, Bettega ha collezionato 326 presenze in campionato per la Juventus, segnando 129 gol in campionato e godendo di una carriera di grande successo, vincendo sette titoli tra il 1972 e il 1982, la Coppa UEFA 1977 (in cui ha segnato in finale) e due Coppa Titoli Italia. Ha anche vinto il Capocannoniere (capocannoniere della Serie A) nella stagione 1979-80. Considerato uno dei migliori giocatori della Juventus, Bettega ha segnato 179 gol per la Juventus in tutte le competizioni, in 490 partite, tra cui 22 gol in 74 partite di Coppa Italia e 27 gol in 81 partite europee. Dopo essersi ritirato dal calcio europeo, Bettega ha giocato due estati nella NASL con la Toronto Blizzard, aiutando la squadra a due secondi posti nelle ultime due stagioni con il club.

Bettega ha giocato 42 volte per l’Italia, segnando 19 gol tra il 1975 e il 1983. Nel 1975, Bettega ha ottenuto la sua prima convocazione in nazionale per una partita contro la Finlandia. Ha continuato a giocare nella Coppa del Mondo FIFA 1978, dove ha segnato due gol per aiutare l’Italia a raggiungere la semifinale, dove sono stati sconfitti dai Paesi Bassi. L’Italia è arrivata quarta dopo aver perso il terzo posto in spareggio in Brasile all’Estadio Monumental Antonio Vespuci, a Buenos Aires. Bettega è stato nominato nella Squadra del Torneo per le sue esibizioni. Bettega ha anche aiutato l’Italia ad arrivare al quarto posto nel campionato europeo del 1980, un torneo giocato in casa. Doveva rappresentare l’Italia nel 1982, ma subì un infortunio al legamento del ginocchio in una collisione con un portiere avversario durante una partita della Coppa dei Campioni del 1981 contro l’Anderlecht, perdendo il torneo del ’82, in cui l’Italia era vittoriosa