Giocatori

Simone Pepe

Simone Pepe, nato il 30 agosto 1983) è un calciatore italiano in pensione che ha giocato come ala, su entrambi i lati del campo. Dopo essere partito alla Roma, ha continuato a gareggiare in serie A per 12 stagioni, trascorrendo la maggior parte del tempo in Udinese e Juventus e accumulando un totale di 251 partite e 31 gol, vincendo quattro campionati nazionali consecutivi con quest’ultimo. Ha anche avuto la sua carriera successiva ostacolata da diversi infortuni. Pepe è apparso in Italia ai Mondiali del 2010, guadagnando 23 presenze.

INFANZIA E CARRIERA

Pepe è nato ad Albano Laziale, un comune non lontano da Roma. Ha iniziato la sua carriera in A.S. La Roma non ha mai rappresentato ufficialmente la squadra, essendo stata ceduta in prestito ai dilettanti Calcio Lecco 1912 e Teramo Calcio per la durata del suo contratto. Nell’estate 2003, l’US Città di Palermo in serie B ha firmato Pepe in un contratto di comproprietà, per una cifra nominale di soli € 500, e ha segnato un gol in 19 presenze per aiutare la sua squadra ottenere la promozione in Serie A per la prima volta in assoluto, come campioni.

Pepe è stato ceduto in prestito al Piacenza Calcio anche nel secondo livello nel luglio 2004, per acquisire esperienza. Il 31 agosto, Roma ha venduto il resto dei suoi diritti di registrazione a Palermo per un’altra tassa nominale. È stato riferito che il presidente della Roma Franco Sensi doveva il suo omologo di Palermo, Maurizio Zamparini, e sia Pepe che Cesare Bovo sono stati venduti a quest’ultimo a un prezzo non economico per saldare il debito, ma il primo ha negato questo, affermando i trasferimenti erano totalmente trasparenti. Nel giugno 2005, Pepe è tornato a Palermo quando l’attaccante dei siciliani Luca Toni è partito per l’ACF Fiorentina. Nella successiva finestra di trasferimento invernale, tuttavia, era di nuovo in movimento.

Pepe è entrato a far parte dell’Udinese Calcio a metà della campagna 2005-06 in un contratto di comproprietà, per € 500.000, insieme a Salvatore Masiello e Nicola Santoni (come parte dell’accordo David Di Michele per € 5.35M. Come erano di nuovo intenzionati a firmare ha giocato con parsimonia, trasferendosi al Cagliari Calcio in un accordo temporaneo nel luglio 2006, quando l’ex club aveva appena ricordato Gyan Asamoah che ha brillato alla FIFA World Cup di quell’anno, quest’ultimo ha anche acquistato il 50% dei diritti di registrazione da Palermo per € 1,5 milioni .

Pepe ha centrato il suo primo gol nella massima serie il 18 novembre 2006 nella sua 23esima apparizione in gara, aggiudicandosi l’unico gol in casa contro l’ex Palermo in extremis, e ha aiutato i sardi a evitare di poco la retrocessione.

Il 22 giugno 2007 l’Udinese ha acquisito il 50% dei diritti del giocatore del Cagliari vincendo l’offerta cieca tra i due club, e ad ottobre, Andrea Dossena, Roman Eremenko, Pepe e Cristián Zapata hanno ottenuto un nuovo contratto fino a giugno 2012; dopo che Asamoah ha subito un infortunio, alla fine ha lasciato la squadra, Pepe è diventato una prima scelta indiscussa.

LA SVOLTA ALLA JUVE

Il 9 giugno 2010, Juventus F.C. hanno annunciato di aver firmato in prestito Pepe per € 2,6 milioni, con la possibilità di firmarlo in modo permanente per € 7,5 milioni il 1 ° luglio. Ha segnato cinque volte in 30 partite nella sua prima stagione a Torino.

Nel 2011-12, Pepe ha formato un’efficace collaborazione di destra con il neo-firmato Stephan Lichtsteiner, contribuendo con quattro dei suoi sei gol in campionato e due assist dopo i primi dieci incontri. Il 29 novembre 2011 ha ottenuto un pareggio fondamentale contro il S.S.C. Napoli (3-3, allo stadio San Paolo) per mantenere l’imbattibilità imbattuta della sua squadra. i bianconeri alla fine vincono il campionato nazionale, dopo una siccità di nove anni.

Nonostante alcune esibizioni inconsistenti, Pepe si è fatto apprezzare dai fedeli della Juventus per il suo ritmo e ritmo di lavoro, guadagnandosi il soprannome di “Speedy Pepe” e paragonato all’ex giocatore del club Angelo Di Livio, che ha giocato anche come esterno. A partire dal dicembre 2012, tuttavia, ha trascorso quasi due anni in disparte, a causa di diversi problemi fisici.

Pepe è stato operato il 27 febbraio 2013 e dopo alcune partite con la squadra giovanile è tornato in campo il 18 dicembre, arrivando come sostituto all’81 ‘di un 3-0 contro l’US Avellino 1912 in Coppa Italia. È stato nuovamente infortunato a metà febbraio 2014 ed è stato infine richiamato per la partita della Juventus League con il Bologna F.C. 1909 il 19 aprile, facendo la sua terza apparizione della stagione in un successo 3-0 contro il Cagliari che ha confermato la terza conquista consecutiva del campionato nazionale della Vecchia Signora.

Dopo essersi completamente ripreso, Pepe è tornato alla formazione iniziale il 15 gennaio 2015 con una vittoria per 6-1 contro l’Hellas Verona F.C. nel turno di 16 della coppa nazionale. Ha segnato il suo primo gol in tre anni il 23 maggio, quando ha segnato un rigore al 90 ° in un 3-1 casalingo vinta contro il Napoli.

L’11 agosto 2015 Pepe ha firmato con A.C. ChievoVerona su un trasferimento gratuito. È apparso in 23 partite in tutte le competizioni, essendo stato rilasciato alla fine della stagione.

Il 22 agosto 2016 Pepe è entrato a far parte della Delfino Pescara 1936 con un contratto di un anno . Dopo solo poche apparizioni per la squadra che ha giocato per ultimo, ha deciso di annunciare il suo ritiro all’età di 33 anni e la sua decisione di diventare il loro manager.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/ibianconeri/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704