Giocatori

Vladimir Jugovic

Vladimir Jugović,nato il 30 agosto 1969, è un ex calciatore serbo che ha giocato come centrocampista. Ha rappresentato la Jugoslavia nel 1998 FIFA World Cup e UEFA Euro 2000. Nato a Milutovac, un villaggio vicino a Trstenik, Jugović ha giocato tutta la sua carriera in numerose squadre europee. Ha vinto la Coppa Europa e la Coppa Intercontinentale con la Stella Rossa nel 1991 e ha vinto entrambe le competizioni con la Juventus nel 1996. È considerato uno dei migliori giocatori che la Serbia abbia mai prodotto e uno dei migliori centrocampisti della sua generazione.

LA CARRIERA

Jugović è stato scoperto da Stella Rossa all’età di 15 anni dall’ex giocatore della Stella Rossa Toma Milićević. Dopo aver fatto il suo debutto con la Stella Rossa, è stato prestato all’FK Rad nella seconda metà della stagione 1989-1990. Quando Ljupko Petrović è diventato allenatore della Stella Rossa, Jugović è stato riportato alle undici iniziali. Nel 1991, Jugović ha giocato nella finale della Coppa dei Campioni del 1991, vincendo la Stella Rossa. Successivamente, ha vinto la Coppa Intercontinentale con la Red Star che ha battuto il Colo-Colo 3-0, segnando i primi due gol. Alla fine della sua carriera con la Stella Rossa, fu insignito della Stella della Stella Rossa e divenne uno dei calciatori più celebri della Jugoslavia.

La Sampdoria ha invitato Jugović su insistenza di Vujadin Boškov, che era il loro allenatore fino al 1992. Ha trascorso tre stagioni di successo alla Sampdoria, durante il quale ha aiutato la squadra a vincere la Coppa Italia 1993-94. In particolare, ha segnato una doppietta nell’andata della semifinale della Coppa delle Coppe UEFA del 1995 contro l’Arsenal, ma ha perso un rigore dopo gli straordinari nella tappa successiva, dopo la quale l’Arsenal ha progredito.

Nel 1995 Jugović è stato acquistato dalla Sampdoria dalla Juventus, il cui allenatore all’epoca era Marcello Lippi. Nella sua prima stagione, la Juventus è finita seconda nella serie A del 1995-96. Nella finale della UEFA Champions League del 1996, è entrato in panchina per Antonio Conte e ha segnato il rigore decisivo per la Juventus contro l’Ajax dopo gli straordinari. In un’intervista a Goal.com, ha ricordato di essersi sentito calmo prima di scontare il rigore contro il portiere dell’Ajax Edwin van der Sar. Dopo il suo ruolo nella vittoria in Champions League, Jugović ha giocato nella Juventus per un’altra stagione, durante la quale ha giocato nella Intercontinental Cup del 1996, che la Juventus ha vinto per 1-0. In quella stagione la Juventus vinse la Serie A del 1996-97, dopodiché Jugović partì per la Lazio.

Nell’estate del 1997, è entrato in Lazio spendendo solo una stagione con il club romano che ha vinto la sua seconda Coppa Italia (Coppa Italia 1997-98), battendo il Milan nella finale, anche la squadra ha raggiunto la finale della Coppa UEFA 1998, perdendo all’Inter nella finale tutta italiana.

Jugović si è successivamente trasferito in Atlético Madrid per la stagione 1998-99 prima di unirsi all’Inter l’anno successivo, dove ha trascorso due stagioni. Jugović ha terminato la sua carriera in LR Ahlen, dopo aver militato con AS Monaco FC e VfB Admira Wacker Mödling.

Jugović ha fatto il suo debutto per la squadra nazionale della Jugoslavia contro la Cecoslovacchia nell’agosto del 1991, mentre era ancora composto da giocatori della SFR Jugoslavia in rovina. Per la squadra nazionale, Jugović ha giocato principalmente come ala sinistra fino all’Euro 2000, dove l’allenatore Vujadin Boškov lo ha schierato come centrocampista centrale. Non ha perso una sola partita per la Jugoslavia alla Coppa del Mondo FIFA del 1998 . Durante la finale 16 match contro l’Olanda, Jugović è stato fischiato da Jaap Stam, con conseguente calcio di rigore mancato a Predrag Mijatović.

Anche se Jugović ha saltato la qualificazione per Euro 2000 della Jugoslavia a causa di un infortunio, è stato convocato dall’allenatore Vujadin Boškov per il torneo. [3] Ha giocato come centrocampista centrale nei quarti contro l’Olanda, con cui la Jugoslavia ha perso con un punteggio di 6-1.