Giocatori

Alessandro Del Piero

Alessandro “Alex” Del Piero, nato il 9 novembre 1974, è un ex calciatore professionista italiano che giocava principalmente come attaccante in profondità, sebbene era in grado di giocare in diverse posizioni offensive. Dal 2015, ha lavorato come esperto per Sky Sport Italia.

Un attaccante tecnicamente dotato, e creativo, che era anche uno specialista di calcio di punizione, Del Piero è ampiamente considerato da giocatori, esperti e manager come uno dei più grandi giocatori della sua generazione e uno dei migliori giocatori italiani di tutti i tempi, vincendo il premio come calciatore italiano della Serie A nel 1998 e nel 2008. Un capocannoniere prolifico, è attualmente il secondo miglior capocannoniere italiano di sempre in tutte le competizioni, con 346 gol, dietro solo Silvio Piola, con 390 gol; è anche il nono miglior realizzatore nella storia della Serie A, con 188 goal, al fianco di Giuseppe Signori e Alberto Gilardino. Dopo aver iniziato la carriera con il club italiano Padova in Serie B nel 1991, si è trasferito alla Juventus nel 1993, dove ha giocato per 19 stagioni (11 come capitano) e detiene il record del club per la maggior parte degli obiettivi (290) e presenze (705). Durante la sua permanenza al club, ha vinto sei titoli di Serie A, la Coppa Italia, quattro titoli della Supercoppa Italiana, la UEFA Champions League, la Supercoppa UEFA, la Coppa Intertoto UEFA e la Coppa Intercontinentale. Dopo aver lasciato il club nel 2012, ha anche trascorso due stagioni con il lato australiano del Sydney FC; si è ritirato dopo una stagione con Delhi Dynamos FC nella Indian Super League, nel 2014.

Del Piero ha segnato in tutte le competizioni a cui ha partecipato. Nel 2004, è stato nominato nella FIFA 100, una lista dei 125 migliori calciatori viventi selezionati da Pelé come parte delle celebrazioni del centenario della FIFA. Nello stesso anno, è stato anche votato al Golden Jubilee Poll della UEFA, una lista dei 50 migliori giocatori europei degli ultimi 50 anni. Oltre a sei premi in Italia per condotta da gentiluomini, ha anche vinto il premio Golden Foot, che ha vinto riguarda la personalità e l’abilità nel gioco.

INFANZIA

Alessandro Del Piero è nato a Conegliano, in Veneto. Del Piero è il figlio di Gino, un elettricista, e Bruna, una governante. Ha giocato regolarmente a calcio nel cortile di casa con due amici, Nelso e Pierpaolo, da bambino. Tutti e tre sognavano di diventare calciatori, ma solo Alessandro sarebbe riuscito a farlo. Il fratello maggiore di Alessandro, Stefano, ha giocato per breve tempo il calcio professionistico per la Sampdoria prima che un infortunio riducesse la sua carriera; in seguito ha lavorato come agente di Alessandro. La famiglia viveva nella frazione di Saccon, una casa rurale a San Vendemiano. Mentre cresceva, la famiglia di Del Piero non aveva molti soldi per viaggiare all’estero, quindi considerava essere un camionista per vedere il mondo.

Mentre giocava per la squadra giovanile locale di San Vendemiano, Del Piero era solito presentarsi come portiere, per guadagnare tempo in più. Sua madre pensò che sarebbe stato meglio per lui interpretare questo ruolo perché non avrebbe sudato, e la possibilità che si ferisse era meno probabile. Suo fratello Stefano ha commentato alla madre che, grazie alla sua abilità, Alessandro era più adatto a giocare in una posizione più offensiva, e Del Piero è passato ad un ruolo in avanti.

LA CARRIERA

Del Piero ha iniziato la sua ascesa al calcio professionistico nel 1981, nelle file di San Vendemiano. Nel 1988, Del Piero è stato avvistato per la prima volta dagli scout e ha lasciato la casa a 13 anni per giocare con i giovani di Padova. È entrato a far parte senior nella stagione 1991-92, all’età di 16 anni, e all’età di 17 anni ha esordito in serie B contro il Messina, sotto la guida di Mauro Sandreani, il 15 marzo 1992, entrando come sostituto. per Roberto Putelli. La stagione successiva, il 22 novembre 1992, ha segnato il suo primo gol professionale in una vittoria per 5-0 su Ternana. Nel 1993, grazie a Giampiero Boniperti, Del Piero fu acquistato dalla Juventus per cinque miliardi di lire, con una sovrapposizione di 150 milioni di lire a stagione.

Nel 1993, Del Piero si è trasferito alla Juventus e ha giocato per il club Torinese per 19 stagioni fino al suo rilascio nell’estate del 2012. Anche se il manager Giovanni Trapattoni ha insistito per allenarsi con la squadra senior, inizialmente ha giocato con la squadra Primavera, allenata da Antonello Cuccureddu, aiutando la Juventus Youth a vincere sia il Torneo di Viareggio del 1994, sia lo scudetto U-20 del 1994. Del Piero ha fatto il suo debutto in Serie A contro il Foggia il 12 settembre 1993 sotto Trapattoni, come sostituto, e ha segnato il suo primo gol nella sua prossima partita contro la Reggiana il 19 settembre, dopo essere tornato dalla panchina ancora una volta. Al suo esordio pieno per la Juventus, ha segnato una tripletta contro il Parma . Dopo le sue promettenti prestazioni, Del Piero ha iniziato a dispiegarsi con più continuità, e ha gestito 14 presenze nella Juventus in quella stagione tra partite giovanili, partite di campionato, Coppa Italia e Coppa UEFA, segnando 5 gol, tutti in Serie A , mentre la Juventus terminava la stagione al secondo posto in campionato.

La stagione successiva vede Marcello Lippi subentrare come manager della Juventus, oltre all’introduzione di una nuova squadra di registi composta da Giraudo, Roberto Bettega e Luciano Moggi; Del Piero ha giocato un ruolo più importante per la squadra in quella stagione dopo l’infortunio di Roberto Baggio a novembre contro il Padova. Del Piero ha preso temporaneamente il posto nella prima squadra al fianco di Gianluca Vialli e Fabrizio Ravanelli, fiorente per l’opportunità che gli è stata concessa, e la Juventus ha continuato a reclamare il suo primo scudetto in nove anni. Del Piero ha segnato 8 gol in Serie A in questa stagione, tra cui un tiro al volo per la Fiorentina. Del Piero è stato anche in grado di ottenere una doppia doppietta e ha conquistato la Coppa Italia 1994-95 con la Juventus, sconfiggendo i rivali stagionali del Parma in finale, nonostante siano stati sconfitti dal Parma nella finale di Coppa UEFA 1995. Durante questo periodo, Del Piero si guadagnò il soprannome di “Pinturicchio”, a causa della somiglianza tra le sue caratteristiche tecniche e tattiche e lo stile di gioco creativo di Baggio. Questo soprannome sorse quando l’ex presidente Gianni Agnelli paragonò il talento emergente Del Piero all’artista rinascimentale Pinturicchio, allievo del grande artista rinascimentale italiano “Rafaello”, soprannome che aveva usato per descrivere Baggio, per sottolineare la sua eleganza sulla palla . Del Piero si è classificato quarto nel Ballon d’Or del 1995 per le sue esibizioni per tutta la stagione. Con il club torinese, Del Piero ha vinto la Serie A otto volte, anche se i titoli del 2005 e del 2006 sono stati revocati a causa del coinvolgimento della Juventus nello scandalo del calcio italiano del 2006 .

Per la stagione 1995-96, Del Piero è stato insignito della maglia numero 10 di Baggio (anch’essa precedentemente appartenuta a Michel Platini), in seguito alla sua partenza per A.C. Milano. Del Piero ha segnato 6 gol e fornito 10 assist in serie A, anche se la Juventus ha chiuso la stagione al secondo posto dietro a Milano. Del Piero è riuscito a conquistare la Supercoppa Italiana nel 1995, sopra il Parma, creando l’unico gol di Vialli. Ha anche giocato un ruolo chiave nell’aiutare la Juventus a vincere la UEFA Champions League 1995-96, segnando 6 gol nella competizione e finendo come secondo miglior realizzatore del torneo. La stagione successiva, Del Piero ha seguito queste vittorie con la Supercoppa UEFA 1996 e la Coppa Intercontinentale 1996, segnando gol in entrambe le finali, vincendo anche il Bravo Award (come miglior giocatore u-23 nelle competizioni europee), e piazzandosi al 4 ° posto. il Pallone d’oro del 1996 per il secondo anno consecutivo. Del Piero ha anche conquistato il suo secondo campionato in Serie A con la Juventus in quella stagione, e ha aiutato a portare la Juventus alla loro seconda finale consecutiva di Champions League, anche se non è stato in grado di iniziare la partita a causa di un infortunio. Durante la fase a gironi, in rotta verso la finale, ha aiutato la Juventus a qualificarsi per i quarti di finale in anticipo, segnando un gol nella vittoria per 1-0 della Juventus contro il Manchester United all’Old Trafford, il 20 novembre 1996; questa era la prima volta che una squadra italiana aveva sconfitto il Manchester United nella propria terra. Nella finale della UEFA Champions League del 1997, è uscito dalla panchina segnando un gol con un tacco, che però non è riuscito a impedire alla Juventus di perdere 3-1 contro il Borussia Dortmund. Del Piero ha ricevuto nomination sia per il FIFA World Player of the Year del 1997, finendo sesto , sia per il Ballon d’Or del 1997, grazie alle sue esibizioni per tutto l’anno solare.

Del Piero ha iniziato la campagna seguente fortemente vincendo la Supercoppa Italiana ancora una volta nel 1997, formando una forte unità offensiva con i compagni della Juventus Zinedine Zidane a centrocampo e il nuovo arrivato Filippo Inzaghi in anticipo. La stagione 1997-98 è stata la sua stagione migliore, avendo segnato una carriera congiunta migliore di 21 reti in Serie A, e ha finito il capocannoniere nella UEFA Champions League 1997-98 con 10 gol, uno dei quali comprendeva un calcio di punizione e una tripletta contro il Monaco nelle semifinali. Con questi obiettivi, ha aiutato la Juventus a raggiungere la terza finale consecutiva di Champions League, anche se Del Piero non era completamente in forma per la partita, e la Juventus è stata nuovamente sconfitta, cadendo 1-0 contro il Real Madrid da uno sciopero di Predrag Mijatović il 20 maggio. Successo domestico, tuttavia, è stato raggiunto in quella stagione, dopo una serrata battaglia con l’Inter, quando la Juventus ha festeggiato il suo 25esimo titolo in Serie A contro i rivali italiani, con Del Piero che ha segnato un gol decisivo individuale decisivo durante il controverso Derby d’Italia partita. Del Piero ha anche segnato un gol nella Coppa Italia 1997-98 in quella stagione, aiutando la Juventus in semifinale e terminando la stagione con una carriera migliore di 32 gol in tutte le competizioni. Del Piero è stato premiato come miglior calciatore italiano della Serie A per le sue esibizioni ed è stato anche nominato per il Pallone d’Oro 1998.

La Juventus ha iniziato la stagione 1998-99 con una sconfitta per 2-1 nella Supercoppa Italiana del 1998 per mano della Lazio, sebbene Del Piero sia stato in grado di segnare da un calcio di rigore. L’8 novembre 1998, Del Piero ha riportato un grave infortunio al ginocchio nei minuti finali di un pareggio per 2-2 con l’Udinese, questo gli ha impedito di rimanere in azione per il resto della stagione, riuscendo a gestire solo 2 obiettivi. La squadra ha faticato senza di lui, finendo la stagione di campionato in un deludente sesto posto. La Juventus è riuscita a raggiungere le semifinali della UEFA Champions League in quella stagione, perdendo però l’eventuale Champions Manchester United. In seguito al suo grave infortunio, Del Piero ha subito un regime di rafforzamento muscolare per adattarsi alle sempre più richieste fisiche e atletiche del calcio del ventunesimo secolo, il che gli ha permesso di compensare la perdita di alcuni dei suoi ritmi e agilità.

Durante la stagione successiva con il nuovo manager Carlo Ancelotti, Del Piero ha servito principalmente come assist-man, fornendo 14 assist in serie A, il più in campionato in quella stagione, e 20 in tutte le competizioni. Del Piero ha aiutato la Juventus a conquistare la Coppa Intertoto UEFA 1999 in quella stagione, che ha permesso alla Juventus di qualificarsi per la Coppa UEFA; complessivamente, ha segnato 12 gol in tutte le competizioni, in quanto la Juventus ha mancato per poco il titolo di Serie A. Nel 2000, Del Piero era il calciatore più pagato del mondo grazie a stipendi, bonus e entrate pubblicitarie. La stagione successiva ha visto la Juventus subire un’altra sconfitta deludente, perdendo ancora una volta il titolo di Serie A, a Roma.

Del Piero è stato nominato capitano della Juventus al ritorno di Lippi alla Juventus e ha formato una formidabile partnership offensiva con l’attaccante francese David Trezeguet, entrato nel 2000, e il playmaker ceco Pavel Nedvěd, arrivato nel 2001. Del Piero ha segnato 16 gol e fornito diversi assist , poiché la Juventus è stata incoronata campione della Serie A per la 26esima volta il 5 maggio 2002. La stagione successiva ha visto la Juventus partire forte, vincendo la Supercoppa Italiana del 2003 sul Milan ai calci di rigore, anche se la Juventus è stata eliminata negli ottavi di UEFA Champions League e ha concluso la stagione di Serie A in un terzo posto deludente.

Dopo Euro 2004, il manager della Juventus Marcello Lippi è stato sostituito da Fabio Capello. Capello non era convinto dei livelli di fitness di Del Piero, e spesso lo affrontava in favore della più giovane, nuova firma offensiva Zlatan Ibrahimović. Nonostante il suo tempo di gioco limitato, Del Piero è riuscito comunque a segnare 14 gol con la Juventus che ha vinto il 28esimo campionato, a causa del suo assist di testa al compagno di squadra David Trezeguet, che si è rivelato decisivo in una partita contro il Milan a San Siro. Del Piero ha anche aiutato la Juventus a raggiungere i quarti di finale della UEFA Champions League in quella stagione, perdendo solo contro il Liverpool.

Diversi giornalisti e allenatori ritengono che Del Piero sia tornato nella sua forma migliore nella stagione 2005-06, mentre ha diretto 12 gol in Serie A e 20 gol in tutte le competizioni, aiutando la Juventus a difendere il titolo della Serie A. Il 10 gennaio 2006 Del Piero è diventato il miglior marcatore di tutti i tempi della Juventus quando ha segnato tre gol in una partita di Coppa Italia contro la Fiorentina, portando a quota 185 il totale gol del club. Il precedente detentore del record era Giampiero Boniperti. Del Piero ha pareggiato il record di Serie A di José Altafini con sei reti come sostituto dopo aver segnato nel minuto finale della partita finale della Juventus nella stagione 2005-06, prima che la Juventus venisse retrocessa forzatamente a causa dello scandalo di Calciopoli, avendo anche loro due titoli di Serie A più recenti revocati. Dopo che la Juventus è stata retrocessa in serie B e i due Scudetti più recenti sono stati revocati, Del Piero ha promesso che sarebbe rimasto a capitanare la squadra.

A seguito del ritorno della Juventus in Serie A, Del Piero è stato bloccato in mesi di negoziazioni irritabili per la firma di un nuovo contratto con la nuova gestione della Juventus. Dopo aver negoziato con successo un nuovo contratto fino al 30 giugno 2010, fu accolto con la notizia della nascita del suo primo figlio, Tobias Del Piero. Nell’ultimo weekend della stagione 2007-08, Del Piero ha segnato una doppietta contro la Sampdoria in un 3-3. Questi due gol sono stati determinanti, portandolo a 21 reti per stagione, vincendo così il premio Capocannonieri in Serie A per la prima volta nella sua illustre carriera, battendo il compagno di squadra David Trezeguet (20 reti) e Marco Borriello ( 19 gol), eguagliando anche il suo più alto punteggio stagionale in Serie A dalla stagione 1997-98. E ‘diventato il secondo italiano in assoluto a vincere titoli consecutivi di Capocannoniere in due diversi campionati – l’ex eroe della Juventus e Coppa del Mondo 1982 Paolo Rossi è stato l’altro.

Il 5 novembre 2008, Juventus e Real Madrid hanno pareggiato a Santiago Bernabéu in Champions League. Gli italiani vinsero 0-2, la loro prima vittoria in trasferta contro il Real dal 1962, e Del Piero fu un giocatore chiave, segnando entrambi i gol e lodando Ranieri, così come l’allenatore del Real Madrid Bernd Schuster. Quando è uscito dal campo dopo essere stato sostituito, “i tifosi di entrambe le parti gli hanno dato una standing ovation”.

Il 17 luglio 2009, Del Piero ha prolungato il suo contratto con la Juventus di un altro anno fino al 30 giugno 2011 a Pinzolo durante gli allenamenti per la pre-stagione, assicurandosi così praticamente che si ritirasse nel club con cui ha iniziato la sua carriera professionale. Del Piero ha chiuso la stagione come miglior marcatore di tutti i tempi della Juventus, avendo segnato oltre 250 gol in tutte le competizioni con il club, e avendo anche disputato oltre 600 presenze in partite ufficiali della Juventus, superando il record di Scirea.

Il 5 settembre 2012, Alessandro Del Piero ha firmato un accordo biennale con il Sydney FC. Fu pagato circa 3,5 milioni di dollari australiani per ciascuna delle sue prime due stagioni, e quindi divenne il calciatore più pagato per giocare in Australia.

Il 23 agosto 2014 è stato riferito che Delhi Dynamos, una squadra indiana che avrebbe dovuto giocare nella stagione inaugurale della Super League indiana, era in trattative con Del Piero. Suo fratello, Stefano Del Piero, ha dichiarato: “Durante le ultime (poche) settimane, abbiamo ricevuto richieste da diverse squadre, non solo dall’India ma anche da altri paesi, c’è molto interesse per Alessandro.” Il 28 agosto Nel 2014, ha firmato ufficialmente per la franchigia indiana, firmando un accordo di quattro mesi. Nell’ottobre 2015, dopo quasi un anno senza club, Del Piero ha ufficialmente comunicato il suo ritiro dal calcio professionistico, dichiarando anche la sua intenzione di perseguire una carriera da allenatore.

LA NAZIONALE

Del Piero è attualmente il capocannoniere di tutti i tempi dell’Italia, insieme a Roberto Baggio, con 27 reti in 91 presenze, con 2 gol per l’Italia in 12 partite di Coppa del Mondo e 1 gol in 13 gare di campionato europeo al fianco di Enrico Chiesa, detiene anche il record unico per la maggior parte dei gol segnati da un nazionale italiano come sostituto (5). Del Piero ha giocato per la squadra italiana Under 21 in 12 occasioni, segnando 3 gol ed è stato membro della squadra che ha vinto il Campionato Europeo Under 21 nel 1996, apparendo nei quarti di finale. Del Piero ha fatto il suo debutto senior con Arrigo Sacchi all’età di 20 anni, il 25 marzo 1995, in una vittoria per 4-1 sull’Estonia in una partita di qualificazione Euro 1996.

Del Piero ha preso parte alla Coppa del Mondo FIFA 2006 sotto la guida di Marcello Lippi, in cinque partite e due delle tre partite della fase a gironi; ha fatto il suo primo avvio della competizione in un turno di 1-0 di 16 vittorie contro l’Australia il 26 giugno. Il 4 luglio Del Piero è entrato come sostituto verso la fine del regolamento e ha segnato il secondo gol dell’Italia in una semifinale per 2-0 contro la Germania ospite. Nella finale contro la Francia, che si è conclusa 1-1 dopo i tempi supplementari, Del Piero ha segnato un rigore ai rigori in quanto l’Italia ha vinto il torneo per la quarta volta. Ha poi ammesso che vincere la Coppa del Mondo è stato il suo sogno d’infanzia