Giocatori

Pavel Nedved

Pavel Nedvěd, nato il 30 agosto 1972 è un calciatore in pensione ceco che ha giocato come centrocampista. Descritto come uno dei migliori calciatori della sua generazione, è anche considerato uno dei giocatori di maggior successo a emergere dalla Repubblica Ceca, vincendo premi nazionali ed europei con le società italiane Lazio, compresa l’ultima Coppa delle Coppe, e la Juventus, che ha portato alla finale della UEFA Champions League del 2003.

Nedvěd è stato un membro chiave della squadra ceca che ha raggiunto la finale di Euro 1996, durante il quale ha attirato l’attenzione internazionale. Ha anche capitanato la nazionale a UEFA Euro 2004, dove è stato sconfitto in semifinale da eventuali campioni della Grecia, e Nedvěd è stato nominato come parte della Squadra del Torneo. Inoltre, Nedvěd ha aiutato la sua squadra a qualificarsi per la Coppa del Mondo FIFA per la prima volta dalla rottura della Cecoslovacchia. A causa delle sue esibizioni, così come delle sue veloci ed energiche corse durante le partite, Nedvěd è stato soprannominato “Furia Ceca” (“Furia Ceca”) dai fan italiani e “Il cannone ceco” nei media in lingua inglese. Il suo soprannome in ceco è Méďa (“Little Bear”), derivante dalla somiglianza tra il suo cognome e la parola ceca per orso, Medvěd.

Vincitore del Pallone d’oro come calciatore europeo dell’anno nel 2003, Nedvěd è stato il secondo giocatore ceco a ricevere l’onore e il primo dalla rottura della Cecoslovacchia. Durante la sua carriera, Nedvěd ha ricevuto numerosi altri premi individuali, tra cui il secondo premio Golden Foot nel 2004, il calciatore ceco dell’anno (quattro volte) e il pallone d’oro (sei volte). È stato anche nominato da Pelé come uno dei FIFA 100, ed è stato inserito nella Squadra dell’Anno della UEFA nel 2003, 2004 e 2005. Si è ritirato dopo la stagione 2008-09, dopo 19 anni di carriera professionale. Nedvěd ha giocato 501 partite di campionato a livello di club (segnando 110 gol), ed è stato limitato a 91 volte per la Repubblica Ceca (segnando 18 volte).

INFANZIA

Nato a Cheb e cresciuto nella vicina Skalná, Nedvěd ha iniziato la sua carriera calcistica nella nativa Cecoslovacchia. Appassionato di calcio fin dalla tenera età, ha iniziato a suonare per il suo club natio Tatran Skalná nel 1977 all’età di cinque anni. Nedvěd passò a Rudá Hvězda Cheb nel 1985, giocando una stagione prima di trascorrere cinque anni con Škoda Plzeň. Nel 1990, Nedvěd è stato prestato a Dukla Prague, un club gestito dall’esercito, come parte del suo servizio militare. Durante il suo primo anno a Dukla Praga, ha giocato per VTJ Dukla Tábor [cs], un club di divisione inferiore gestito anche dall’esercito. Il 28 ottobre 1991, Nedvěd ha giocato la sua prima partita con Dukla Prague. Ha giocato una stagione per Dukla nel 1991 prima di terminare il servizio militare, terminando così il suo prestito da Plzeň. Successivamente si è trasferito a Sparta Praga nel 1992. Plzeň doveva ricevere il 30% della tassa di trasferimento nel caso in cui Nedvěd dovesse trasferirsi in un club straniero.

LA CARRIERA

All’inizio della sua carriera a Sparta, Nedvěd è stato espulso tre volte in sole sei partite.Con lo Sparta, Nedvěd ha vinto un titolo della First League cecoslovacca, due titoli della Liga Gambrinus e una Coppa ceca. Nel 1994, ha ricevuto la sua prima chiamata alla squadra nazionale della Repubblica ceca. La sua esibizione a UEFA Euro 1996, compreso un gol nella fase a gironi contro l’Italia, ha attirato l’attenzione; nonostante un accordo verbale con il PSV, Nedvěd è passato dallo Sparta Praga al club italiano di Serie A Lazio. La Sparta vendette per la prima volta Nedvěd al club slovacco 1. FC Košice (che aveva lo stesso proprietario di Sparta) per un costo di trasferimento di 1,5 milioni di CZK, e immediatamente Košice vendette Nedvěd alla Lazio. Così Sparta pagò solo una piccola parte della tassa di trasferimento a Plzeň. Dopo la protesta di Plzeň, l’associazione calcistica ceca ordinò allo Sparta di pagare a Plzeň 35 milioni di CZK in compensazione. Nedvěd ha firmato un contratto di quattro anni con una commissione di ₤ 1,2 milioni.

Nedvěd ha fatto il suo debutto in campionato per la Lazio il 7 settembre 1996 in una sconfitta per 1-0 in trasferta contro il Bologna. Ha segnato il suo primo gol in campionato con il Cagliari contro il Cagliari il 20 ottobre 1996, concludendo la stagione 1996-97 con sette reti. È diventato parte integrante della squadra, segnando quattro gol in tre partite all’inizio della stagione 1997-98.Il club ha avuto una striscia di imbattibilità di 24 partite dal novembre 1997 all’aprile 1998, terminando con una partita di campionato contro la Juventus in cui Nedvěd è stato espulso. In quella stagione, la Lazio ha vinto la Coppa Italia 1997-98 e ha raggiunto la finale della Coppa UEFA 1997-98. Nedvěd e Lazio hanno iniziato la stagione 1998-99 con una vittoria nella Supercoppa Italiana, Nedvěd segnando come la squadra ha battuto la Juventus per 2-1. Ha giocato un ruolo nella strada della Lazio per l’ultima Coppa delle Coppe, segnando contro il Losanna nel primo turno e in entrambe le fasi del 7-0 complessivo della Lazio contro Panionios. Nella finale della Coppa delle Coppe UEFA 1999, Nedvěd ha segnato il gol decisivo contro il Maiorca per la vittoria per 2-1 della Lazio. Questo è risultato essere l’ultimo obiettivo del torneo, che è stato successivamente interrotto.

Nedvěd è stato uno dei dieci calciatori più pagati del campionato italiano nel 1999. Ha giocato nella Supercoppa UEFA 1999 contro il Manchester United all’inizio della stagione, dove la Lazio ha vinto la partita con un solo gol. La squadra vinse il titolo di serie A e la Coppa Italia, completando un doppio nazionale nel 2000 con l’aiuto di Nedvěd. Nel 2000 ha vinto la Supercoppa Italiana con la Lazio per la seconda volta. Con Siniša Mihajlović, Nedvěd è stato uno dei due giocatori della Lazio espulsi nei quarti di finale della Coppa Italia 2000 disputata a dicembre, dove i campioni in carica hanno perso 5-3 complessivo contro l’Udinese.

Dopo cinque stagioni con la Lazio, Nedvěd era speculativamente legato a diversi club (tra cui Manchester United e Chelsea) prima di passare alla Juventus nel luglio 2001 per 75 miliardi di lire (38,7 milioni di euro a tasso di cambio fisso). Alla Juventus, sostituì Zinedine Zidane, che si era trasferito nel Real Madrid quell’estate. Nedvěd era un giocatore regolare nelle squadre Juventus del 2001-02 e 2002-03 Scudetto. Anche se è stato una parte sostanziale della stagione di campionato del club nel 2003, è stato anche oggetto di polemiche. Nedvěd lascia l’Associazione dei calciatori italiani per protestare contro il limite sindacale per i giocatori non appartenenti all’Unione europea (UE) , la sua Repubblica ceca natia non è diventata membro dell’UE fino al 2004. Nonostante sia stato determinante nel condurre la Juventus alla finale di UEFA Champions League del 2003 contro il Milan, ha dovuto sedersi in finale a causa di un accumulo di cartellini gialli dopo la sua semifinale per un fallo sul centrocampista del Real Madrid Steve McManaman.

Nel dicembre 2003, Nedvěd è stato nominato World Footballer of the Year dalla rivista World Soccer. Più tardi quel mese, vinse il premio European Footballer of the Year su Thierry Henry e Paolo Maldini, il secondo ceco a vincere il premio dopo Josef Masopust nel 1962. Nedvěd ha ricevuto ulteriori riconoscimenti nel suo paese d’origine quando ha vinto il Pallone d’oro 2004, assegnato dagli sportswriters cechi, per la quinta volta in sette anni. La stagione 2004-05 è stata frustrante per il centrocampista, rimasto indisponibile per due mesi a causa di infortuni al ginocchio e alla testa e per la prima volta in pensione nell’aprile 2005.Sebbene la Juventus abbia vinto i titoli di Serie A quell’anno e nel 2006, i titoli sono stati revocati dopo lo scandalo della partita di calcio di Calciopoli. Dopo la stagione 2005-06, che si è conclusa con la retrocessione della Juventus dalla Serie A nonostante il suo primo posto molte stelle (come Fabio Cannavaro e Lilian Thuram) hanno lasciato il club e il futuro dei giocatori rimanenti era incerto. Dopo la Coppa del Mondo 2006, Nedvěd ha dissipato le voci sulla sua partenza ribadendo il suo desiderio di aiutare la Juventus a riconquistare la promozione in Serie A, citando la sua famiglia e il suo impegno nei confronti del club come motivazione della sua decisione . Ha ricevuto un divieto di cinque partite dopo un cartellino rosso contro il Genoa nel dicembre 2006 e ha ripetuto la sua minaccia di ritirarsi. Tuttavia, è rimasto con il club fino alla fine della stagione e ha segnato 11 gol in campionato nella serie B 2006-07.

Per la stagione 2007-08, la Juventus ha giocato ancora in Serie A. Nedvěd ha giocato spesso per i bianconeri, contribuendo come ala sinistra di prima scelta della squadra e segnando due gol in quella stagione. È stato nuovamente controverso: nel novembre 2007, il suo placcaggio del centrocampista dell’Internazionale Luís Figo ha rotto la fibula di Figo. Nell’aprile 2008, Nedvěd è stato ricoverato in ospedale durante una notte per una commozione cerebrale in seguito a una collisione con Roberto Guana durante una partita contro il Palermo.

Nedvěd ha segnato il primo gol in campionato della Juventus nella stagione 2008-09 in un pareggio per 1-1 con la Fiorentina, e ha segnato due volte contro il Bologna in una vittoria per 2-1 in trasferta in ottobre. Il 26 febbraio 2009, Nedvěd ha annunciato che si ritirerà alla fine della stagione 2008-09 per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Il 10 marzo 2009 è stato sostituito a causa di un infortunio dopo 12 minuti del turno di Champions League del 16 match di ritorno contro il Chelsea. A causa del suo imminente ritiro e della perdita per 3-2 del suo club, è stata la sua ultima partita europea per la Juventus. Nedvěd si è ritirato alla fine della stagione, capitanando la finale contro l’ex squadra della Lazio e stabilendo il gol di Vincenzo Iaquinta per la vittoria per 2-0.

Il 23 settembre 2017 è stato annunciato che Nedvěd si è trasferito a FK Skalná, con sede nel villaggio di Skalná, il villaggio natale di Nedvěd. Il club gioca nella classe 1. B della Regione di Karlovy Vary (7 ° livello della gerarchia calcistica ceca). Il presidente del club aveva detto: “Era il sogno di Pavel giocare con suo figlio e ora si avvererà”. Ha inoltre aggiunto che sembra probabile che il suo fielding pianificato il 2 giugno 2018 in una gara casalinga contro TJ Baník Královské Poříči B sia un evento una tantum, dovuto alla residenza di Nědved in Italia e all’occupazione come vicepresidente della Juventus. Nedvěd era davvero nella formazione iniziale, ma Skalná ha perso l’incontro di casa 1-4, Nedvěd non ha segnato e nemmeno suo figlio.

VITA PRIVATA

Nedvěd ha corso la Mezza Maratona di Praga nel 2010 (la sua prima corsa alla distanza), finendo il corso in 1:49:44. Ha corso la Maratona di Praga 2012 in un tempo di 3:50:02 per il corso di 42 chilometri. Nedvěd è stato nominato Personalità internazionale ai FAI International Football Awards del febbraio 2012 . Nel gennaio 2013, è stato bandito dal partecipare alle partite di Serie A per tre settimane dopo aver insultato l’arbitro Paolo Valeri durante la partita della Juventus contro la Sampdoria. Il 12 ottobre 2010, Exor (la società di investimento della famiglia Agnelli) ha nominato Nedvěd per un posto nel consiglio di amministrazione della Juventus, rimane direttore dalla stagione 2018-19. Il 23 ottobre 2015, Nedvěd è stato nominato vicepresidente del consiglio di amministrazione.

Figlio di Václav e Anna, Nedvěd ha vissuto con la moglie Ivana dal 1992. La coppia ha due figli, chiamati Ivana e Pavel dopo i loro genitori. L’autobiografia di Nedvěd del 2010 è stata pubblicata in italiano come La mia vita normale: di corsa tra rivoluzione, Europa, e pallone d’oro. È stato tradotto in ceco come Můj obyčejný život e pubblicato nella Repubblica Ceca nel 2011