HomeBiografieMilos Krasic, la biografia

Milos Krasic, la biografia

Milos Krasic, nato il 1º novembre 1984 a Kosovska Mitrovica, è un ex giocatore di calcio serbo che ricopriva il ruolo di centrocampista.

Giovanili e CSKA

Milos Krasic, nato il 1º novembre 1984 a Kosovska Mitrovica, ha iniziato la sua carriera calcistica nel settore giovanile del Rudar Kosovska Mitrovica. Nel 1999, all’età di quattordici anni, si è trasferito al Fudbalski klub Vojvodina, dove è diventato il capitano e ha accumulato 77 presenze e 7 gol, tutti nel campionato.

Nel gennaio del 2004, Krasić si è trasferito in Russia al CSKA Mosca. Durante il suo periodo con il CSKA, ha vinto due campionati russi, due Coppe di Russia e tre Supercoppe di Russia. Inoltre, ha contribuito alla vittoria storica del club nella Coppa UEFA del 2004-2005.

Durante le sue sette stagioni con il CSKA Mosca, Krasić ha totalizzato 150 presenze e 26 gol in campionato, 51 presenze e 5 gol in competizioni come la Champions League e la Coppa UEFA, 23 presenze e 2 gol nella Coppa di Russia, e 5 presenze nella Supercoppa di Russia. Nel dicembre 2009, vinse il premio di miglior calciatore serbo dell’anno dopo aver segnato 13 gol nello stesso anno.

Milos Krasic alla Juve

Il 21 agosto 2010, Miloš Krasić è stato ufficialmente trasferito in Italia alla Juventus per una cifra di 15 milioni di euro. Ha fatto il suo debutto nel campionato il 29 agosto successivo nella sconfitta in trasferta contro il Bari (1-0), alla prima giornata. Il 26 settembre, alla quinta giornata, ha segnato una tripletta nella partita casalinga vinta contro il Cagliari (4-2), registrando così i suoi primi gol con la maglia bianconera.

Milos Krasic ha concluso la sua prima stagione con la Juventus con 33 presenze e 7 gol in campionato, 2 presenze e un gol in Coppa Italia, e 6 presenze e un gol in Europa League, per un totale di 41 presenze e 9 gol. Ha giocato un ruolo di primo piano nella prima parte della stagione, ma ha avuto un calo fisico nella seconda parte, anche a causa dell’adattamento al campionato italiano dopo aver giocato in Russia, dove il campionato era disputato nell’arco di un solo anno solare.

Nella stagione successiva, Milos Krasic ha avuto difficoltà a imporsi come titolare poiché il nuovo allenatore Antonio Conte ha cambiato modulo, passando dal 4-4-2 utilizzato tipicamente dal suo predecessore Luigi Delneri al 3-5-2, e ha preferito altri esterni che si adattavano meglio dal punto di vista tattico rispetto al serbo. Ha segnato il suo unico gol stagionale in occasione della partita Catania-Juventus (1-1), grazie a un errore del portiere Mariano Andújar. Il 6 maggio 2012, ha conquistato lo scudetto con la Juventus con una giornata di anticipo. Alla fine della stagione, ha totalizzato solo 7 presenze.

Fenerbache, Bastia e fine carriera

Il 2 agosto 2012, il Fenerbahçe ha annunciato l’acquisto di Miloš Krasić per 7 milioni di euro, con un contratto quadriennale dal valore di 2,3 milioni di euro a stagione, oltre a un bonus di 12.500 euro per ogni partita disputata.

Dopo il recupero dall’infortunio, Krasić ha faticato a ritrovare un posto da titolare a causa di una condizione fisica non ottimale e di alcune incomprensioni con l’allenatore Aykut Kocaman. Nel corso della stagione, ha collezionato 21 presenze, segnando un gol (nel Türkiye Kupası contro il Göztepe) e fornendo due assist.

Il 30 agosto 2013, Krasić è stato ceduto in prestito ai francesi del Bastia. Il 4 ottobre successivo, ha segnato il suo primo gol con la nuova maglia nella vittoria per 4-1 contro il Lorient. Ha segnato di nuovo il 1º dicembre nella partita contro l’Evian (2-0). Alla fine della stagione, con 21 presenze tra campionato e coppe, ha segnato due gol. Successivamente, è tornato al Fenerbahçe dopo il prestito al Bastia, ma non rientrando nei piani dell’allenatore İsmail Kartal, è stato escluso dalla rosa della squadra principale e aggregato alla squadra riserve del club turco.

Il 30 agosto 2015, Krasić è stato acquistato dal Lechia Gdańsk, una squadra che milita nella massima divisione del calcio polacco, firmando un contratto triennale. Il 1º dicembre 2018, dopo essere rimasto svincolato, ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato.

 

Articolo precedente
Articolo successivo
ARTICOLI CORRELATI

I più popolari